Cocktail famosi

 Foto di Jonpaul Balak di Jeff “Beachbum” Berry travestito da zombie.

America

 

California

Mai Tai

"Mai Tai" in tahitiano significa "fuori dal mondo", che si traduce in "molto buono". Fin dall'infanzia, Victor Jules Bergeron è stato ispirato dal ristorante e bar tiki di Don the Beachcomber a Hollywood, quindi nel 1934 ha preso in prestito denaro da sua zia per aprire il suo ristorante e bar a tema polinesiano a Oakland, in California, chiamato Hinky Dinks ( Viale San Pablo 6500). Nel 1939 lo ribattezzò Trader Vic's e aprì franchising a Seattle, Hawaii e San Francisco. Ha continuato ad aprire altri trentuno franchising in America e nel mondo. Oggi ci sono diciotto sedi in franchising di cui due in America: Atlanta, in Georgia, e l'ammiraglia Emeryville, in California.

 

In una notte d'estate del 1944, Bergeron preparò un drink per i suoi amici tahitiani in visita, Ham e Carrie Guild, e dopo aver bevuto un sorso , Carrie disse: "Mai Tai - Roa Ae!" così Vic lo chiamò Mai Tai. La maggior parte delle barrette non contiene un paio di ingredienti chiave per il Mai Tai (sciroppo di mandorle e arancia Curaçao) e sostituirà amaretto e triple sec. Inoltre, la cosa numero uno da sapere su un Mai Tai è che non è rosso. Dovrebbe essere giallastro con un galleggiante di rum scuro e guarnito con un rametto di menta e lime. Il Mai Tai era di gran moda alla fine degli anni '50 e all'inizio degli anni '60 perché si fece strada nel film di Elvis Presley del 1961 Blue Hawaii. I posti migliori per ordinarne uno: Latitude 29 a New Orleans, Smuggler's Cove a San Francisco, Three Dots and a Dash a Chicago e Otto's Shrunken Head a New York City. 

 

 

Tequila Sunrise: il ristorante e bar del Tridente

Avrebbero dovuto chiamarlo "Essere nel posto giusto al momento giusto Sunrise". Il barista Bobby "Robert" Lozoff ha inventato la Tequila Sunrise all'età di ventidue anni nel 1969 mentre lavorava per il Trident a Sausalito, in California (dieci miglia da San Francisco), il suo primo anno di bartending. A quel tempo, il Tridente era un luogo popolare per le celebrità del rock 'n' roll. I clienti abituali includevano Janis Joplin e Carlos Santana, e il compianto comico / attore Robin Williams era un cameriere. Il Trident era noto per le cameriere molto attraenti e alcuni dicono che fosse in anticipo sui tempi offrendo un juice bar e un espresso. Ecco un blog dedicato al Tridente degli anni 1966-1980. Comunico con Lozoff dal 2016.

 

Un lunedì sera del giugno 1972 - il Trident era normalmente chiuso il lunedì - Lozoff e due cameriere furono chiamate a lavorare a una festa d'inizio del Rolling Stones American Tour di circa trentacinque persone. Mick Jagger si avvicinò al bar e ordinò un Margarita da Lozoff, che poi gli chiese se avesse mai provato una Tequila Sunrise. Jagger ha detto "no". Quindi, Lozoff ne ha fatto uno per Jagger e l'ha adorato! Lozoff dice che la cosa che a Jagger è piaciuta di più è che aveva bisogno solo di tre ingredienti: tequila, succo d'arancia e granatina, in modo che la band potesse farli durante il tour. Nel 2010, Keith Richards ha pubblicato un libro intitolato Life e nel capitolo nove, la prima frase recita: "Il tour del '72 era conosciuto con altri nomi: il tour Cocaine and Tequila Sunrise".

 

Sunrise di Lozoff non è iniziato con tre ingredienti. Per prima cosa l'ha fatto con tequila, succo d'arancia, mix agrodolce commerciale, acqua gassata e una crème de cassis floater servita in un calice (bicchiere alto). Lozoff dice che alla fine fu usata la granatina al posto del cassis . In effetti, a causa del volume estremamente elevato del Tridente, tra il 1969 e il 1972 la ricetta si accorciò del tutto. Lozoff era conosciuto come il barista più veloce di San Francisco. Era la sua "cosa" da barista che pompava più volumi di bevande agli ospiti.

 

Con l'aiuto della McKesson Liquor Distributing Corporation di San Francisco e del manager del Trident, Jose Cuervo è stato contattato per stampare la ricetta della bevanda sul retro della bottiglia. Cuervo ha appreso che il Trident vendeva più della loro tequila di qualsiasi bar in America e la ricetta di Lozoff è stata messa sulla bottiglia. E come se le cose non potessero andare meglio, nell'aprile del 1973, gli Eagles pubblicarono la loro canzone "Tequila Sunrise", che fece saltare quell'alba fuori dall'acqua. Nel 1974 è entrato nella Guida del barista di Mr. Boston.

 

Cosa succede quando un barista crea un drink famoso? Bene, nel caso di Lozoff, niente. Nel novembre del 2016 ha detto: "Purtroppo ero troppo giovane per capitalizzare l'affare e non ho fatto soldi. In effetti, non ho ricevuto alcun riconoscimento fino a quando lo scrittore Jeff Berkhart non ha scritto il suo articolo del National Geographic su di me nel 2012".
 

Lozoff si trasferì a Lahaina, Maui, Hawaii, nel 1976 e aprì un bar e ristorante simile a un Tridente chiamato Blue Max  at 730 Front Street. Lo ha decorato con un grande gufo di peluche e foto in bianco e nero di aerei hawaiani della seconda guerra mondiale e, naturalmente, ha servito la sua Tequila Sunrise. Blue Max ha attirato gli stessi giganti della musica: Elton John, Stevie Nicks e troppi altri per menzionarli. Oggi l'edificio è una pizzeria di Chicago. Ecco un fatto divertente: Lozoff non beve alcolici e non l'ha mai fatto. Dopo essersi ritirato dall'attività di ristorazione/bar nel 1989, è diventato un tecnico Mac. Dice di aver speso i suoi soldi in aerei, barche e Rolex. Oggi vive ancora alle Hawaii e insegna informatica.

 

 

Ad essere onesti, il barista Gene Sulit ha creato un cocktail chiamato Tequila Sunrise all'Arizona Biltmore Hotel negli anni '30. Gli ingredienti includevano tequila, succo di lime, crème de cassis e soda; nessuna festa dei Rolling Stones è mai stata ospitata lì.

 

 

 

 

Zombie—Don's Beachcomber 

Lo Zombie è stato inventato da Ernest Raymond Beaumont Gantt, alias Donn Beach-Comber/Don the Beachcomber/Donn Beach (1907–1989). Beach è accreditato per aver aperto il primo tiki bar a tema polinesiano, Don's Beachcomber, a solo mezzo isolato da Hollywood Boulevard nel 1933 (1722 North McCadden Place). Inventò lo Zombie qui nel 1934. Quattro anni dopo si trasferì dall'altra parte della strada e lo ribattezzò Don the Beachcomber (1727 North McCadden Place). Ha chiuso nel 1985 e in entrambe le località sono stati costruiti condomini. Gantt ha anche servito lo Zombie alla Fiera mondiale di New York del 1939.

 

 

La sfida di essere i migliori in qualcosa è che le persone vogliono rubarti, quindi i baristi di altri tiki bar avrebbero guardato quali bottiglie stavano raccogliendo i baristi di Gantt, contando i versamenti, annotando tutto ciò che potevano per rubare le ricette. Anche i baristi di Trader Vic's (a 375 miglia di distanza) farebbero il viaggio fino a Hollywood. Quindi, Don ha deciso di coprire le sue bottiglie del mixer, quindi le ha etichettate come n. 1, n. 2, n. 3 e così via. L'unico problema con questo era che nel tempo nessuno conosceva più i veri ingredienti dello Zombie.

 

 

Jeff "Beachbum" Berry in soccorso! Questo "Bum" è responsabile di far rivivere la moderna cultura tiki a partire dal 1998 con il suo libro Grog Log. Ha iniziato una ricerca sugli ingredienti Zombie nel 1994 ed è durata fino al 2005. Puoi dare un'occhiata alla storia sul suo sito web beachbumberry.com. In poche parole, ci sono voluti undici anni avventurosi per decifrare il codice Zombie. Il cracking del codice Berry è stato scritto in molte pubblicazioni. Senza dubbio, il posto migliore per bere uno Zombie è al Beachbum Berry's Latitude 29 situato nel pittoresco Bienville Hotel nel quartiere francese di New Orleans.

 

 

 

Hawaii

Blue Hawaii - O'ahu

Harry Yee ha inventato le Blue Hawaii nel 1957. Negli anni '50, le Hawaii erano sulla buona strada per diventare uno stato degli Stati Uniti, che è diventato nel 1959, quindi le isole hanno iniziato una fase di costruzione di paradisi esotici per attirare i turisti. Grandi fughe tropicali furono costruite su ogni isola e la più grande di queste era il villaggio hawaiano sull'isola di O'ahu.

 

Le Hawaii sono diventate uno stato nello stesso anno in cui le riprese esterne dello show televisivo Hawaiian Eye sono state girate all'Hawaiian Village. Hawaiian Eye ha dato agli americani un'idea di com'erano le Hawaii: peccato che lo spettacolo non fosse a colori . L'Hawaiian Village è il luogo in cui il barista trentasettenne Harry Yee ha inventato la bevanda Blue Hawaii nel 1957. Yee è nato il 26 settembre 1918 e ha iniziato la sua carriera di barista all'età di trentadue anni. Ha lavorato all'Hawaiian Village per trent'anni e nel 1957 è stato chiesto da Bols di aiutare a promuovere il loro nuovo prodotto, Bols Blue Curaçao, ed è nato il Blue Hawaii. Per essere chiari, Yee ha inventato il Blue Hawaii, non il Blue Hawaiian. Il Blue Hawaiian è diventato un knockoff americano una volta che Bols Blue Curaçao è arrivato nei bar di tutta la nazione e non ha una vera ricetta o inventore. A quel tempo non c'erano bevande popolari "Hawaii". I turisti stavano appena ordinando Mai Tais, Zombies, Planter's Punches, Piña Coladas e Grasshoppers. Quando ha definito un drink delle Hawaii, Yee ha detto: "Un drink hawaiano per me è qualcosa che non tornano a casa".

 

Alla domanda sulla decorazione dell'orchidea Vanda nelle Blue Hawaii, Yee è noto per aver detto: "Eravamo abituati a guarnire con un bastoncino di canna da zucchero e la gente masticava il bastoncino e poi lo metteva nel posacenere. Quando la cenere e la canna si sono attaccate insieme , si è creato un vero pasticcio, quindi ho messo le orchidee Vanda nella bevanda per rendere i posacenere più facili da pulire". Quando ho parlato al telefono con un 99enne Yee nel luglio del 2018, mi ha detto che per lo più infastidiva i camerieri dei cocktail dover pulire così tanti posacenere.

 

A Yee viene anche attribuito il merito di aver utilizzato i primi ombrelloni di carta nei cocktail. Ha inventato altri cocktail tropicali, tra cui Tropical Itch, Hawaiian Eye, Guava Lada, Hot Buttered Okolehao, Scratch Me Lani, Catamaran, Naughty Hula, Hukilau, Diamond Head, Village Sunset e Wahine's Delight. Il suo Tropical Itch è guarnito con uno scratcher cinese di bambù e l'Hawaiian Eye è diventato famoso in America tra il 1959 e il 1963 perché Hawaiian Eye conteneva la bevanda.

 

Oggi, l'Hilton Hawaiian Village vende ancora Yee's Blue Hawaii ma purtroppo non usano più la sua ricetta esatta o guarnire più. Nel loro menu vendono un'altra bevanda chiamata Blue Ocean che è più vicina alla vera ricetta, tranne per il fatto che utilizza rum giamaicano al posto del rum portoricano. È stato detto che Yee avrebbe resistito a ogni Blue Hawaii che ha realizzato per assicurarsi che fosse del colore dell'Oceano Pacifico. Se è vero, allora deve aver lavorato solo su turni diurni.

 

L'Hilton Hawaiian Village ha organizzato una celebrazione del 100° compleanno di Yee il 20 settembre 2018. Ecco alcuni articoli sul 110° compleanno:

Settimanale di viaggio

 

Khon TV

 

TV KITV

 

 

 

 

 

 

Louisiana

Senza dubbio, New Orleans vince per i cocktail più popolari di qualsiasi città del mondo.

 

Brandy Crusta: gioiello del sud

Joseph Santini (1817–1874), di origine italiana, creò il Brandy Crusta, che divenne il primo libro di ricette americano conosciuto per i cocktail How to Mix Drinks o The Bon Vivant's Companion: The Bartender's Guide di Jerry Thomas (Thomas o un editore sbagliano il nome come Santina). Si ritiene che Thomas abbia visitato Santini al City Exchange Restaurant and Bar o al Santini's bar, Jewel of the South mentre visitava New Orleans negli anni '50 dell'Ottocento. Il Brandy Crusta è famoso perché è considerato il cocktail di ingresso, utilizzando succo di agrumi fresco, che ha portato alla creazione del Sidecar e persino del Lemon Drop Martini. Forse era un modo per Santini di aggiungere un tocco di eredità italiana in un cocktail poiché l'Italia è nota per i suoi limoni.

 

Santini è nato a Trieste, in Italia, e il censimento del 1840 mostra Santini che vive con un altro giovane maschio in una zona di Gentilly chiamata Milneburgh nell'area di New Orleans. Milneburgh si trova sulle sponde del lago Pontchartrain. Sebbene la maggior parte dell'America non abbia sperimentato la ferrovia fino alla fine degli anni '80 dell'Ottocento, la ferrovia di Pontchartrain divenne la seconda ferrovia funzionante nel 1831. Trasportava passeggeri e merci a New Orleans e tornava su un binario di cinque miglia ed era utilizzata principalmente come destinazione per un fine settimana , a seconda del modo in cui stavi viaggiando . Nel 1840 Milneburgh aveva due hotel, due bar, un negozio di alimentari e una panetteria. È possibile che Santini abbia lavorato in uno di questi bar.

 

Nel 1841 Santini fu nominato capo barista da un amico italiano presso lo Splendid Bar dell'Hotel St. Charles. Il St. Charles a quel tempo era l'hotel più sontuoso di tutta New Orleans. Dall'esterno, sembrava esattamente come la Casa Bianca della nazione. Nel mese di aprile 1842, sul Times-Picayune furono pubblicati diversi annunci che annunciavano l'apertura del bar da parte di Santini al Washington Hotel a Lake Pontchartrain. L'annuncio dice: "Apertura del Washington Hotel, Lake Pontchartrain. Il Sig. Giuseppe Santini ha l' onore di informare il pubblico, che aprirà il suddetto Hotel per l'accoglienza dei visitatori, domenica 3d inst. Il Bar sarà arredato con i migliori Liquori. Il Ristorante sarà sotto la direzione del Sig . Mayer.

 

Nel febbraio 1855, all'età di trentasette anni, Santini aprì il suo elegante - e spesso definito "pretenzioso" - bar, il Gioiello del Sud, all'angolo tra St. Charles e Gravier, a un isolato dal Quartiere Francese e oltre la strada dell'Hotel St. Charles dove lavorava Santini (l'hotel era stato appena ricostruito a causa di un incendio del 1851).  Questo bar sarebbe poi stato la casa di Charles Ramos (Ramos Gin Fizz) e il Sazerac Bar quando si sono trasferiti dal quartiere francese dopo il proibizionismo.

 

Santini possedeva quattro esercizi commerciali su Gravier tra St. Charles e Carondolet : un bar meno pretenzioso chiamato Parlor con annesso Corona Cigar Shop, e un altro negozio di sigari chiamato Intimidad ("privacy" in spagnolo), che era annesso al Jewel. George B. Ittmann era il capo barman di Santini. In articoli di giornale, Ittmann era stato descritto come un "mixologist scientifico che sta al Gioiello ciò che Amleto sta a Shakespeare". Altre attività di New Orleans aperte in questo periodo storico includevano Lafitte's Blacksmith Shop, Old Absinthe House, Sazerac Coffee House, Antoine's, Tujague's, Café du Monde, Court of Two Sisters e la prima fabbrica di ghiaccio artificiale.

 

Il 29 dicembre 1868, Santini annunciò sul giornale che si sarebbe ritirato dal Jewel e lo consegnò al capo barista George B. Ittmann. Nel 1874, mentre era in Francia con la figlia Marietta, che stava proseguendo gli studi vocali all'estero, Santini morì a cinquantasette anni. Il giorno non è esatto, ma si conviene che fosse il 9, l'11 o il 12 agosto. Il corpo di Santini non è arrivato a New Orleans per il suo funerale fino al 18 ottobre. È sepolto al cimitero di St. Louis n. 3 a 3421 Spianata. La signora Margaretha Santini (quarantotto anni) assunse la proprietà dei saloon. Alla fine si ritirò a Biloxi, Mississippi, e visse fino a 103 anni.
 

Il barista di New Orleans Chris McMillian mi ha ricordato una pagina web che avevo aggiunto ai segnalibri che mi ha portato alla pronipote di Santini, Diana. Ci sono volute molte telefonate per trovare la Diana giusta, ma l'ho trovata.  Diana ha condiviso foto e undici pagine dell'inventario dei liquori di Santini che è stato registrato dopo la sua morte. Alcuni articoli di interesse includono Boker's bitter, Peychaud's Bitters, Newfoundland bitter, Dr. J. Hostetter's bitter, Guaco bitter, Sazerac Cognac, sciroppo di orzata, acqua di fiori d'arancio, rum giamaicano, gin olandese, arrack, gin Old Tom, scozzese, irlandese whisky, Bourbon, whisky di segale, Chartreuse verde e giallo, Bénédictine, kirschwasser, assenzio (absynthe di farro), cassis, vermouth Noilly Prat, molti acquaviti di frutta e quasi 1.000 bottiglie di vino tra cui Madeira, sherry e porto.

 

Nel 1948, David A. Embury pubblicò una ricetta di Brandy Crusta nel suo libro Fine Art of Mixing Drinks con l'aggiunta di liquore al maraschino.

 

Santini era molto coinvolto nelle arti e aiutava nell'educazione dei bambini. Gli articoli mostrano che ha ospitato eventi per raccogliere fondi per vedove e bambini orfani. Al New Orleans Locquet Young Ladies Institute di Camp Street, ha fornito "Santini Medals" alle studentesse che eccellevano nel francese e nell'elocuzione (l'abilità di un discorso chiaro ed espressivo). L'Istituto gli regalò un set di gemelli d'oro con inciso un libro aperto da un lato e la parola “educazione” dall'altro. Non sarebbe bello trovarli? Santini fu anche massone della Loggia Maconnique. Onestamente, confrontando questo clima del 2018 sembra che avrebbe potuto essere un pedofilo.  Non lo sapremo mai.

 

Nel 2018, i barman di New Orleans Chris Hannah e Nick Dietrich hanno aperto un nuovo Jewel of the South at 1026 St. Louis Street.

 

 

 

Cavalletta: di Tujague

Tujague's è stato aperto nel 1856 ed è attualmente il secondo ristorante più antico di New Orleans. Non hanno mai mostrato alcuna documentazione, ma affermano di essere l'inventore del Grasshopper. La storia racconta che nel 1919 il secondo proprietario, Philip Guichet, si classificò al secondo posto in un concorso di ricette di cocktail a New York City e il gioco è fatto. La bevanda è verde e cremosa e sa di gelato alla menta e cioccolato fuso. È diventato popolare negli anni '50 e '60 e poi di nuovo tra il 2007 e il 2015 grazie al popolare programma televisivo Mad Men. Se visiti Tujague's for a Grasshopper oggi, scoprirai che da qualche parte nel corso degli anni, i baristi si sono incaricati di modificare la ricetta aggiungendo un galleggiante di brandy.

 

Ho trovato la stessa ricetta da un libro nel 1918 e attualmente la sto cercando nei vecchi dischi rigidi.

 

 

 

Uragano: nel 2017 sconosciuto, ma reso popolare da Pat O'Brien's

Se chiedi a persone di tutto il mondo di nominare un bar a New Orleans, molto probabilmente risponderanno "Pat O'Brien's". E se chiedi loro di nominare un drink di New Orleans, diranno un uragano da Pat O'Brien's. La verità è che non sapremo mai chi ha davvero inventato l'uragano .

 

Il 6 novembre 1894, Benson Harrison O'Brien, alias Pat O'Brien (1894–1983), nacque a Chattanooga, nel Tennessee. O'Brien era un americano di prima generazione il cui padre lasciò la contea di North Tipperary, in Irlanda, durante la carestia delle patate. O'Brien è cresciuto a Birmingham, in Alabama, con tre sorelle. Prestò servizio nella divisione Rainbow dell'esercito nella prima guerra mondiale (1914-1918) e portò a casa un Purple Heart. O'Brien si trasferì a Houston, si sposò, ebbe una figlia, vendette azioni di tabacco then fino al crollo del mercato azionario nel 1929. Divorziò, si trasferì a Los Angeles e poi a New Orleans dove si sposò di nuovo e generò due figli e una figlia.

 

O'Brien era alto un metro e ottanta, indossava abiti bianchi, preferiva le donne piccole e alte un metro e mezzo e divenne uno dei migliori contrabbandieri della Louisiana e del Mississippi. Con la sua personalità estroversa e socievole, non gli ci volle molto per conoscere i proprietari dei bar e cercare investitori per aprire il suo clandestino.

 

O'Brien aprì uno speakeasy e lo chiamò Mr. O'Brien's Club Tipperary (soprannominato Tips) all'angolo tra Royal Street e St. Peter Street.  Si dice che la  password fosse "Storm's Brewin", tuttavia si è appreso che è stata inventata da un giornalista di New York. Entro il 3 dicembre 1933, O'Brien si trasferì nel quartiere francese al 638 di St. Peter e aprì il negozio di liquori di Pat O'Brien due giorni prima del giorno dell'abrogazione ufficiale, probabilmente perché conosceva già molti poliziotti. Oggi questa località è un piccolo centro turistico . Gli amici volevano che O'Brien aprisse un altro bar, quindi tre anni dopo si trasferì in uno spazio più grande a un isolato di distanza, al 718 di St. Peter, l'attuale posizione. Quattro anni dopo Charlie Cantrell gestiva la parte commerciale del bar mentre O'Brien si confondeva con i clienti.

 

Si ritiene che Pat O'Brien, all'età di quarantotto anni, abbia inventato l'uragano nel 1942 e si dice che gli ci siano volute due settimane di test per farlo bene. Lo servì in un bicchiere a forma di lampada da uragano da ventidue once (ora chiamato bicchiere da uragano), e la gente del posto era sconvolta dal fatto che la bevanda costasse sessanta centesimi mentre altre bevande all'epoca costavano solo quindici centesimi. O'Brien ha dovuto annunciare sul giornale locale che costava così tanto perché conteneva quattro once di rum. La storia racconta che l'unico motivo per cui è stato inventato l'uragano era che O'Brien voleva il whisky. A quel tempo, il whisky scarseggiava, quindi i distributori gli dissero che se avesse acquistato molte casse di rum, gli avrebbero venduto una cassa di whisky. Altre storie dicono che se avesse acquistato una cassa di rum, avrebbe potuto ottenere una bottiglia di whisky, ma in ogni caso è nato il suo Hurricane.

 

Negli anni '40, Cantrell e O'Brien assunsero George Oechsner come bar manager. Suo nipote, George "Sonny" Oechsner III ha aiutato con la manutenzione e la pulizia del bar imparando l'attività mentre lavorava. Sonny è colui che  ha trasformato il prato in un cortile di mattoni, aggiungendo intrattenimento notturno con pianoforti da duello e ha lanciato l'uragano nella coscienza del cocktail della nazione. Nel 2012 sua figlia Shelly è diventata presidente e proprietaria.  

 

 

Il mio amico Scott Touchton era il GM di Pat O'Brien's dal 2000 al 2014 mi ha detto che la ricetta originale del 1942 era di 4 once di rum, succo di lime, succo d'arancia e sciroppo di frutto della passione servito in un bicchiere Hurricane da 22 once. Tuttavia, un altro amico del cocktail, Philip Greene (un lontano parente di Antoine Peychaud) ha scoperto un ricettario di rum Ronrico del 1941 che elenca un "Hurricane Punch" fatto con 4 once di rum Ronrico, succo di lime, succo di limone e sciroppo di frutto della passione servito in un 24 oz speciale vetro blu. Le istruzioni dicono "Waring mix" metà della bevanda (Waring è una marca di frullatore uscito negli anni '30) quindi versare il composto frullato sopra mezzo bicchiere di ghiaccio Ronrico. Non sono sicuro di cosa sia il "ghiaccio Ronrico", ma la vera domanda è "Pat O'Brien sapeva della ricetta dell'Hurricane Punch?" Nessuno lo saprà mai.

 

Purtroppo, oggi la popolare bevanda rossa da Pat O'Brien's non è fatta con succhi appena spremuti come allora, ma con un

Miscela di tipo Kool Aid e poi imbottigliata nell'impianto di imbottigliamento locale di Pat O'Brien, in cui producono enormi lotti, lo trasportano al bar e poi lo conservano in un serbatoio con diverse linee che collegano tutti i bar. Sono state create pistole speciali per tutti i bar in modo che un barista possa riempire tre Hurricane alla volta in tre secondi.

 

All'interno, servono la bevanda in un bicchiere Hurricane da ventidue once e ti fanno pagare per il bicchiere. Se non vuoi il bicchiere, devi portarlo da un barista per riavere tre dollari. Se scegli di tenere il bicchiere souvenir, confezionano un bicchiere pulito e lo mettono in una borsa con logo con alcuni souvenir extra. Se vuoi che un uragano vada, allora viene servito in un bicchiere di plastica con logo bianco da sedici once.

 

Ci sono state variazioni sulla ricetta, ma una cosa è certa è che è sempre stata una bevanda di colore rosso , che dovrebbe provenire dallo sciroppo di frutto della passione rosso. Articoli di giornali locali sull'ubriachezza pubblica parlavano del rossore dei marciapiedi a causa del vomito e delle fuoriuscite dell'uragano negli anni '40 e '50. A quel tempo, Pat O'Brien era così occupato che la città dovette assumere agenti di polizia per monitorare l'esterno dell'edificio.

 

Se vuoi goderti un fresco uragano nel modo in cui lo assaggiò nel 1942, cammina per un isolato fino al Bourbon Orleans Hotel Bar.

 

Ramos Gin Fizz-Il Gabinetto Imperiale

Henry Charles "Carl" Ramos (1856–1928) inventò il Ramos Gin Fizz nel 1888 e lo servì fino al 1919, quando fu costretto a chiudere per proibizionismo. Come regalo d'addio a New Orleans, pubblicò la sua ricetta sul giornale locale.

 

Ramos era un primogenito americano di prima generazione da genitori tedeschi. È nato in Indiana e si è trasferito a New Orleans all'età di quattordici anni. Si sposò all'età di ventitré anni e poi all'età di trentuno, Ramos e suo fratello presero la proprietà del Gabinetto Imperiale di Pat Moran nel 1888. Si trovava all'angolo tra Carondelet e Gravier, a due isolati dal quartiere francese da Via Borbone. Purtroppo oggi l'edificio non c'è più. Nessuno sa cosa abbia ispirato Ramos a creare un cocktail, ma lo ha fatto e lo ha chiamato "Ramos's One and Only One Gin Fizz". Un Gin Fizz all'epoca conteneva quattro ingredienti: gin, succo di limone, zucchero e soda (gli stessi ingredienti in un Tom Collins). Ramos ha raddoppiato gli ingredienti aggiungendo succo di lime, panna, albume e acqua di fiori d'arancio. Lo storico delle bevande David Wondrich scrive nel suo libro Imbibe! che la Kansas City Star ha unto l'Imperial Cabinet "il gin fizz più famoso del mondo" nel 1900. Wondrich ha anche scoperto che Ramos ha consumato 5.000 uova a settimana, possedeva il più grande pollaio d'America e durante il Mardi Gras del 1900, ha impiegato sei baristi e un uomo di colore come un "ragazzo agitatore".

 

Nel 1907, Ramos vendette il Gabinetto Imperiale e si trasferì di un isolato, rilevando lo Stag Saloon al 712 di Gravier. Questa posizione era direttamente dall'altra parte della strada rispetto all'ingresso del più grande hotel della città all'epoca, il St. Charles Hotel e dove in precedenza si trovava il Gioiello del Sud di Joseph Santini. St. Charles è la strada principale per le sfilate del Mardi Gras e durante il Mardi Gras del 1915, si ritiene che Ramos abbia assunto una catena di trentadue "ragazzi shaker" che avrebbero agitato e tramandato le lattine di spumanti in una lunga fila.

 

Altre attività di New Orleans aperte in questo periodo storico includono Lafitte's Blacksmith Shop, Old Absinthe House, Sazerac Coffee House, Antoine's, Tujague's, Café du Monde, The Court of Two Sisters, Commander's Palace, La Louisiane, Jackson Brewing, Café Sbisa, Galatoire's , Arnaud's, Acme Oyster House, Central Grocery, Broussard's e il primo nightclub americano al Gruenwald (ora Roosevelt Hotel), the Cave. Altre creazioni di New Orleans in giro erano: sandwich muffaletta , bignè, Oysters Rockefeller, bibita Barq's, birra Dixie e Tabasco.

 

Ramos morì nel 1928, ma il governatore Huey "Kingfish" P. Long resuscitò il Gin Fizz di Ramos dopo il proibizionismo e fece sapere che era il suo cocktail preferito. Una volta fece un viaggio politico a New York e soggiornò al New Yorker Hotel. Dopo aver bevuto un sorso del New Yorker's Fizz, chiamò il Roosevelt a New Orleans con l'ordine di “inviare il suo miglior gin fizzer a New York in aereo, così da poter insegnare a questi sofisticati newyorkesi come farlo correttamente. La storia racconta che il giorno successivo Sam Guarino, capo barista del Sazerac Bar, arrivò a New York e trascorse tre ore a istruire i suoi omologhi del nord sul modo corretto di fare un Ramos Gin Fizz. Lo storico delle bevande e il barista più famoso di New Orleans di oggi, Chris McMillian, condividono un video di YouTube intitolato "Huey ci insegna", che mostra filmati di Long in piedi dietro il bar Sazerac mentre prova un Ramos Gin Fizz.

 

Ad oggi, ci sono cinque bar famosi per l'esecuzione del Ramos Gin Fizz e due possono essere visitati oggi.

 

Il Gabinetto Imperiale

Il primo bar di Ramos a New Orleans, situato all'angolo tra Carondelet e Gravier.

 

Il Salone del cervo

Il secondo bar di Ramos a New Orleans, situato all'angolo tra St. Charles e Gravier.

 

Il bar Cadillac

Dopo che il cameriere francese di New Orleans Achilles Mehault "Mayo" Bessan ha perso il lavoro a causa del proibizionismo, ha deciso di portare se stesso e la sua sposa diciannovenne oltre il confine dove l'alcol scorreva ancora. Si stabilirono a Nuevo Laredo, Tamaulipas, attraverso il Rio Grande da Laredo e Texas. Nel 1926 Bessen acquistò il Caballo Blanco Bar e lo ribattezzò Cadillac Bar. Nel 1929 trasferì il bar e riaprì con insegne muy grandi che pubblicizzavano il suo cocktail preferito di New Orleans, "The Famous Ramos Gin Fizz". Bessan ha servito sia la cucina di New Orleans che la cucina messicana. Purtroppo, il Cadillac Bar non è più in circolazione oggi, ma la cosa buona è che puoi ordinare un Ramos Gin Fizz in America.

 

Il bar Sazerac | L'Hotel Roosvelt

Hanno registrato il nome Ramos Gin Fizz dopo il proibizionismo e da allora sono noti per aver prodotto Ramos Gin Fizzs.

 

Borbone O Bar | Il Bourbon Orleans Hotel

Nel 2013, come direttore del bar , ho imparato tre cose durante la ricerca su Henry Charles "Carl" Ramos.

 

  • Ramos è entrato nel settore delle vernici durante il proibizionismo.

  • Il negozio di ferramenta locale, a tre isolati dal bar, Mary's Ace Hardware in Rampart Street, era il luogo in cui viveva Ramos.

  • La stanza di fronte a casa sua è dove oggi si trova la sezione della pittura.

 

Ho preso in considerazione l'idea di scuotere Ramos Gin Fizzes con uno shaker per barattoli di vernice, ma questo si è rivelato troppo costoso (e disordinato), quindi nel 2014 ho chiesto a William Grant & Sons di acquistare al bar uno shaker asiatico da 1.000 dollari che scuotesse il Gin Ramos Gin Fizz di Hendrick per sei minuti.

 

 

Sazerac: sconosciuto nel 2018, ma a New Orleans

Il 23 giugno 2008, con un voto di 62-33, la Camera dei rappresentanti della Louisiana ha proclamato il cocktail ufficiale del Sazerac New Orleans. In realtà, è la prima città al mondo ad avere un cocktail ufficiale.

AGGIORNAMENTO: Lo stimato storico delle bevande David Wondrich ha recentemente appreso che Antoine Peychaud probabilmente non ha creato il Sazerac. Leggilo qui .

La maggior parte crede che il Sazerac non sarebbe quello che è oggi se non fosse per Antoine Amedee Peychaud (1803–1883). Peychaud (pay-SHOWED) era francese, ma non si sa quando venne a New Orleans perché era uno dei tanti fuggiti da una caotica evacuazione durante la rivoluzione haitiana (1791–1804).

 

Per più di 100 anni si è creduto che Peychaud fosse l'inventore del Sazerac, tuttavia una nuova ricerca dice diversamente. Ma la credenza della storia di Peychaud che è stata raccontata per molto tempo è di seguito.

 

Quello che sappiamo di Peychaud è che nel 1832 all'età di diciannove anni ha collaborato con il farmacista A. Duconge al 123 di Royal Street: i numeri civici sono cambiati nel 1896, quindi l'indirizzo si traduce oggi in 437 Royal tra St. Louis e Conti. Nel 1834 Peychaud acquistò il farmacista e si ritiene che abbia iniziato a produrre la ricetta degli amari di famiglia di suo padre. Secondo il New Orleans Bee, il farmacista di Peychaud divenne un posto dove appendere dopo le riunioni della Concorde Blue Mason's Lodge e, usando i suoi amari, Peychaud servì toddies di brandy. Si diceva che Peychaud misurasse i toddies usando un portauovo/jigger a doppia estremità, poi chiamato coquetier (ko-k- tay ), da cui un tempo si pensava avesse origine la parola "cocktail". Si ritiene inoltre che il Sazerac abbia preso il nome da un brandy con lo stesso nome, tuttavia alcuni storici dei cocktail non sono d'accordo.

 

Nel 1857, Peychaud commercializzò i suoi amari sul giornale delle api di New Orleans e nel 1858 aveva due principali concorrenti di amari, Baker's e Hostetter's, quindi commercializzò in modo aggressivo i Peychaud's Bitters. Il censimento del 1860 mostra che Peychaud aveva dieci persone che vivevano nella sua famiglia, quindi si presume che lavorasse duramente vendendo amari per sostenere tutti. Nel 1867 Peychaud aprì il suo terzo farmacista nel quartiere francese.

 

Nel 1869, quando aveva sessantasei anni, i figli di Peychaud erano cresciuti e si presume che volesse probabilmente rallentare, quindi vendette le sue farmacie e preparò amari per Thomas Handy, proprietario del famoso Sazerac Coffee House (bar). Il Sazerac Coffee House (il miglior caffè del suo tempo) è stato il luogo numero uno in cui il Sazerac è stato servito per cinquanta solidi anni fino al 1920 (proibizionismo). Oggi, il luogo in cui si trovava la Sazerac Coffee House è al 124 Royal. È stato un Holiday Inn dal 1984 al 2015 e ora è un Wyndham Hotel. Inoltre, nel 1869, i Bitter di Peychaud ricevettero il Diploma d'Onore alla Grande Esposizione di Altona, in Germania.

 

Nel 1872, Thomas Handy divenne l'importatore del brandy Sazerac, estese il bar a 125 piedi di lunghezza e impiegò diciotto baristi. Un anno dopo, Peychaud vendette la ricetta Peychaud's Bitters a Handy. Si dice che la ricetta del brandy sia stata sostituita dal whisky di segale e che sia stato aggiunto un goccio di assenzio. Ciò era probabilmente dovuto ai problemi con la distruzione delle viti in Europa e l'avvento dell'assenzio. Si ritiene inoltre che il Sazerac sia sempre stato prodotto con whisky di segale sin dall'inizio.

 

Va anche notato che c'è un altro uomo, che molti credono, ha creato il whisky di segale Sazerac Cocktail di nome William "Billy" Wilkinson. Wilkinson era un barista al Sazerac Coffeehouse.

      _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_    

Nel 2016, la sua pronipote mi ha dato l'elenco dell'inventario del 1874 di Joseph Santini e mostra che Santini possedeva quindici bottiglie di Cognac Sazerac. Il Sazerac era fatto con questo o con il whisky di segale? Gli storici dei cocktail stanno ancora facendo ricerche.

 

Nel 1908, la ricetta Sazerac divenne il primo libro di cocktail conosciuto in William T. "Cocktail Bill" Boothby's The World's Drinks and How to Mix Them. Negli anni '30, il Roosevelt Hotel acquistò la ricetta Sazerac e chiamò il bar dell'hotel Sazerac Bar.

 

Nel 2012 ho individuato la tomba di Antoine Peychaud. È sepolto con sua sorella Lasthenie Peychaud nel cimitero di St Louis n. 2 tra le strade Conti e St. Louis a New Orleans.

 

 

Vieux Carré–Hotel Monteleone

Il Vieux Carré è elencato nella lobby dell'hotel menu dal 1934.   Chris Mcmillian , il barista più famoso di New Orleans, mi ha mostrato una copia del menu._cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_Vieux Carré si traduce in "Piazza Vecchia" / "Quartiere francese". Questo cocktail è stato inventato dal capo barman Walter Bergeron (1889–1947). È un riff del Sazerac, popolare a New Orleans sin dal 1800. Gli ingredienti del Vieux Carré sono whisky di segale, Cognac, vermouth dolce, Bénédictine, Peychaud's Bitters, Angostura bitter e una scorza di limone. È diventato un cocktail base a New Orleans e nel mondo.

 

Per quanto ne so, sono il primo ad approfondire la storia di Walter Bergeron. Seppi che era nato a Thibodaux, in Louisiana, nel febbraio 1889 da Louis Klebert   (1866-1928)  e Florence Prioux Bergeron (suo padre era francese). Alla nascita, entrambi i suoi genitori avevano solo tredici anni. Si sono sposati al quinto mese di gravidanza. Come avrai intuito, questo giovane matrimonio non è sopravvissuto e alla fine hanno preso strade separate. Walter andò con suo padre che sposò Amanda Benoit (1863–1941).  Questa unione diede a Walter due fratelli, George David Bergeron (1894–1969) e Phillip C. (1904–1973). La madre naturale di Walter si risposò con un uomo di nome John Lankford e ebbero una figlia di nome Daisy (1913-1996). 

 

Nel 2015, mentre facevo ricerche su Ancestry.com, ho potuto comunicare con una signora di nome Fairlee. La zia Punkin di suo marito era la nipote di Walter. Vive ancora a Thibodaux ed è qui che potrei ottenere una foto. Ha detto che la zia Punkin ha detto: " Walter era un uomo comico molto divertente". La zia Punkin ricordava di averli visitati a Thibodaux ea volte andavano a New Orleans per fargli visita. Ha detto che a Walter piaceva la sua birra e che lui e suo fratello George si sarebbero seduti al tavolo della cucina a bere e ridere. Ha aggiunto: "La figlia di Walter, Shirley era eccezionalmente carina e assomigliava proprio all'attrice cinematografica Ginger Rogers. 

 

Con un'istruzione di quinta elementare, Walter si trasferì a New Orleans nel 1907 e nel 1910 sposò Jeanne Cougot (nata in Francia). Otto mesi dopo hanno avuto una bambina di nome Hazel. Il 1910 US Census mostra che Walter viveva con sua moglie, i suoi genitori, sei fratelli e una nipote di famiglia. L'età della famiglia variava da 8-51. Diceva che Walter lavorava come macchinista e tutti gli altri maschi della famiglia lavoravano come macellai. Le femmine lavoravano a casa o come cameriere. Undici persone vivevano in una casa di fucili a 411 Maurice Avenue in Arabi, LA  (uno in arrivo) senza impianto idraulico interno o aria condizionata. A quel tempo, questa parte del 9° Rione era paludosa, senza fognature urbane o drenaggio adeguato. Non so nemmeno se avevano l'elettricità in quel momento; Sto ancora ricercando. Baby Hazel è nata il 27 agosto. Due anni, nove mesi e dieci giorni dopo, la piccola Hazel è morta nella stessa casa.

 

La coppia ha accolto un'altra bambina nel 1915 denominata Jeanne, e nel 1920, il US Census mostra che hanno affittato una casa a un isolato di distanza a_cc781905-5cde-3193-badcf3b-166bad5b- 16badcfd_16 Bienvenue . A partire dal 2018, è un lotto vuoto in vendita a $ 22.000, ma puoi vedere le case intorno. Il censimento dice che Walter lavorava come barista in un hotel.  Gli anni '20 portarono altre due bambine, Elenore (1922) e Shirley (1925). Nel 1928, il padre di Walter morì all'età di 62 anni, che fu anche lo stesso anno in cui morì Henry Charles "Carl" Ramos.

 

 

Il censimento statunitense del 1930 dice che Walter era impiegato come responsabile di un negozio di sigari (ricordate che questo era un divieto, che avrebbe potuto essere una buona copertura per uno speakeasy, oppure no). Si trasferirono a pochi isolati di distanza al 5511 di Royal Street . L'affitto era di 20 dollari al mese. Nel giugno del 1930, la coppia ebbe l'ultimo figlio e l'unico figlio maschio,  Klebert ( cluh-BARE) . Quattro anni dopo, nel 1934, sua moglie morì di tisi (ora chiamata tubercolosi) in aprile lasciandolo vedovo con quattro figli di diciotto, dodici, nove e tre anni. Nel 2013, ho individuato il suo unico figlio vivente, Klebert, che viveva a Slidell, Los Angeles, da quando l'uragano Katrina ha distrutto la sua casa. Ha detto che ricorda di non aver mai visto sua madre perché è stata costretta a letto per tre anni fino alla sua morte. Ha detto che lui e le sue sorelle sono stati portati giù per l'isolato a vivere con la loro zia Nana e non hanno mai più visto la loro madre. immagino che Walter pensasse che la malattia fosse contagiosa. Posso solo immaginare quanto sia stato difficile per Walter prendersi cura di sua moglie, mantenere i suoi figli e guardare la moglie costretta a letto morire per tre anni.  Viveva ad Arabi, quindi il tram era probabilmente il suo mezzo di trasporto per il quartiere francese.

 

Il 1934 fu un anno di cambiamenti per Walter; sua moglie morì, rimase vedovo di quattro figli, era il primo anno dopo il proibizionismo, e il primo anno il cocktail Vieux Carré è stato visto nella carta dei cocktail dell'Hotel Monteleone.   Nel 1937, l'autore Stanley Clisby Arthur attribuì a Walter la creazione del Vieux Carré nel suo libro Famous New Orleans Drinks and How to Mix 'Em . Scrive che Walter lo creò in onore del famoso Vieux Carré, quella parte di New Orleans dove i negozi di antiquariato e i balconi in pizzo di ferro offrono ai turisti uno sguardo sul romanticismo di un altro giorno. AGGIORNAMENTO: gli storici delle bevande hanno appreso che molte informazioni in questo libro non sono corrette, quindi al momento non siamo sicuri al 100% che Walter  abbia creato questo cocktail. Ma sappiamo per certo che era su un menu di cocktail dell'Hotel Monteleone del 1934. Clicca sul libro per leggere gratuitamente la prima edizione. Lo stimato storico dei cocktail David Wondrich ha studiato l'autore Stanley Clisby Arthur in questo articolo qui . Vedrai perché gli storici oggi mettono in dubbio i suoi scritti.

 

Il censimento degli Stati Uniti del 1940 afferma che Bergeron ha lavorato come barista in un hotel quarantotto ore a settimana con un reddito annuo di $ 1.580 (quasi $ 27.000 nel 2017).   Viveva in 5403 Dauphine Street  con tre dei suoi figli (la figlia maggiore sposata). Nel 1941 morì la madre biologica. In una fresca e piovosa mattina di giovedì 13 febbraio 1947, cinque giorni prima del Mardi Gras e un giorno prima delle celebrazioni del fine settimana del Mardi Gras, Walter  è morto per un attacco cardiaco all'età di cinquantasette anni in un negozio di alimentari alle 8 del mattino. Walter è nato a febbraio ed è morto a febbraio. Alla sua morte visse al 6006 di Dauphine Street.  È sepolto nel cimitero di San Vincenzo De Paoli.

 

Nella mia conversazione telefonica del 2013 con l'unico figlio di Walter, l'ottantatreenne Klebert Joseph "Bro" Bergeron (1930-2014),  he  ha parlato con affetto di visitare suo padre al bar della hall dell'Hotel Monteleone nel 1940 all'età di dieci anni. Ha detto che lo ricordava bene perché c'era un ragazzo della sua età che giocava con un camion dei pompieri giocattolo rosso brillante. Ha detto che il camion è stato lasciato incustodito a un certo punto, quindi si è avvicinato per toccarlo e poi ha detto a suo padre che ne voleva uno. Walter  gli ha detto di allontanarsi da il camion perché apparteneva al figlio dell'albergatore. Klebert ha parlato per trenta minuti di come suo padre lavorasse sempre di giorno per poter essere a casa di notte.  Bro   ha detto che suo padre si è svegliato alle 6 del mattino ed è tornato a casa alle 19:00. Mentre faceva visita a suo padre al bar, ricordò di aver visto gli uomini ordinare da bere, suo padre che mescolava bevande e l'odore del fumo. Ha anche detto di ricordare quando suo padre lasciò l'hotel bar  e andò a lavorare al Sazerac Bar all'angolo tra St. Charles e Gravier. Ho chiesto una foto e, per quanto ne sapeva, non ne aveva una ma poteva guardare alcune cose. Ha descritto suo padre come short and tozzo.  Klebert è morto nel 2014.

 

Klebert era un artista e designer molto orgoglioso. Ha parlato di diversi bar in giro per New Orleans che ha progettato tra cui una discoteca all'ultimo piano dell'Hotel Monteleone, di cui ho perso il nome o non riesco a leggere la mia calligrafia.  Ha detto che era dove oggi si trova la piscina sul tetto. Bro   ha detto che ogni volta che attraversava l'atrio fino all'ascensore pensava a suo padre. La sua attività era Designs Unlimited Inc., un'azienda di interior design commerciale specializzata in ristoranti e locali notturni. Ha menzionato alcuni luoghi che credo non ci siano più come Dream Room, Safari Room, The Brass Rail, Pete Fountain's, Georgie Porgie's, Opus 111, The Godfather, Spinnaker e Chateau Lounge. Un anno dopo ho visto molti di questi luoghi menzionati nel suo necrologio.

 

Ho individuato Klebert Bergeron II e Klebert Bergeron III su Facebook nella speranza di ottenere una foto di Walter, ma purtroppo il nipote e il pronipote di Walter Bergeron si sono rifiutati di parlare con me. Continuerò a provare, ma farò anche del mio meglio per fare un viaggio a Thibodaux per parlare con  Zia Punkin e, si spera, ottenere una foto di Walter prima che muoia.

 

Altri cocktail di New Orleans

 

Assenzio Svizzera

Inventato nella vecchia casa dell'assenzio.

 

Café Brûlot Diabolique (caffè diabolicamente bruciato)

Inventato nel 1890 dal figlio del fondatore, Jules Alciatore, da Antoine's, il ristorante più antico di New Orleans (1840). È un intruglio fiammeggiante di caffè, cognac e spezie servito in tazze speciali.

 

Cajun Martini

Inventato e registrato nel 1986 dallo chef Paul Prudhomme da K-Paul's (416 Chartres) infondendo jalapeños con vodka. Lo definì "il Cajun Martini originale di K-Paul di Chef Paul Prudhomme 'Totally Hot'". Un anno dopo, Prudhomme produsse un Cajun Martini in bottiglia premiscelato e sulla bottiglia diceva "fatto con Taaka Vodka, vermouth e peperoni di Caienna. "


Cocktail alla Louisiana

Inventato nel 1880 nell'omonimo ristorante. Puoi visitare il bar che ha preso il controllo dello spazio; 21° emendamento, al 725 di Iberville Street.

 

Caffè irlandese congelato

Inventato nel 1991 da Jim Monaghan Sr. da Molly's on the Market. Mi è stato detto che il whisky irlandese utilizzato è Jameson.

 

Granata a mano®

Inventato e registrato da Earl Bernhardt e Pam Fortner nel 1984

nella loro isola tropicale originale (600 Bourbon). È stato creato per l'Esposizione Universale della Louisiana del 1984 e oggi è il drink da asporto numero uno visto su Bourbon Street. La ricetta è un marchio registrato.

 

Cocktail di necrologi

Inventato al Blacksmith Shop di Jean Lafitte, il bar più antico di New Orleans. Il sottotitolo del cocktail è “The High Brow of All Low Brow Drinks.

2 once di gin, 1/4 di vermouth secco e 1/4 di assenzio. Mescolare con ghiaccio. Filtrare in una coppetta da cocktail.

 

 

Roffignac

Il conte Louis Philippe Joseph de Roffignac fu il nono sindaco di New Orleans e il suo ultimo sindaco francese dal 1820 al 1828. A lui si deve l'abbellimento del quartiere francese con l'aggiunta di strade acciottolate e lampade a gas. I residenti lo amavano così tanto che prepararono un drink in suo onore . Fu venduto fino al 1986 e poi si estinse. Di recente, ha fatto la sua comparsa in molti bar di artigianato fresco a New Orleans.

2 once di brandy o cognac, 2 once di himbeer sciroppo essig (fatto con lamponi e sidro di mele) e 5 once di soda su ghiaccio in un bicchiere highball.

 

 

Cocktail di New Orleans adottati

Molte persone pensano che questi cocktail siano stati inventati a New Orleans, ma la città li ha accettati solo

loro sotto le sue ali: Absinthe Drip, Bloody Mary, Fleur de Lis, French 75, Milk Punch,

Mint Julep, Pimm's Cup, Scarlett O'Hara e Tom e Jerry. 

19073652_117750216432.jpg
19073652_117747706316.jpg

Foto di Victor Bergeron da findagrave.com.

MaiTai_NEW.jpg

Come fare un Mai Tai dal sito Web di Beachbum Berry.

18_03 copy.jpg

Per gentile concessione di Jose Cuervo. Inventore della Tequila Sunrise, Bobby "Robert" Lozoff, con in mano una Tequila Sunrise alle Hawaii nel 2016 all'età di sessantanove anni.

bobby.jpg
14344807_10153974021698177_3019476705554

Lozoff si occupava del bar del Trident e con il suo cane nei primi anni '70.

bobby2.jpg

Blu Max. Tutte queste foto sono di Lozoff.

32336799_10155234697570064_2377647234540
13233119_10153474841710064_4928105149316
18_01 copy.jpg
32481555_10155235737695064_8534428504840
13239024_10153466305280064_6550498428577

Bacca da spiaggia

Da Facebook

42765223_10156033261216379_6171101696287

Foto da Facebook.

42738759_10156754008139553_4860238292697

Harry Yee al suo centesimo compleanno celebrazione all'Hilton Hawaiian Village nel settembre 2018. Il manager di F&B me lo ha inviato via email.

19_01 copy.jpg
32_03 copy.jpg

Harry Yee all'età di novantotto anni nel 2016 con in mano una Blue Hawaii dell'Hilton Hawaiian Village dove l'ha creata nel 1957. Foto di Dennis Oda

Sede del cocktail Blue Hawaii, Hilton Hawaiian Village, Honolulu, Hawaii, Waikiki Beach.  Photo by  

Jeff Whyte /Shutterstock

JosephSantini-Retouched_Back.jpg

Joseph Santini per gentile concessione di Diana Lehman. Per quanto riguarda I 

sa, io sono il primo a individuare le immagini di Giuseppe Santini.

Gabriel&Joseph Santini & Mark Kaiser-Par

1869 Parigi foto per gentile concessione di Diana Lehman. Gabriel Santini, Joseph Santini, e New Orleans_cc781905-5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d Markchild violinista Il figlio di Santini a sinistra è Gabriel che è il bisnonno di Diana .

N_StCharlesHotel_0001_edited-022.jpg

Angolo delle strade St. Charles e Gravier tra il 1852 to 1894. L'edificio bianco è l'hotel St. Charles e l'angolo è dove si trovava il gioiello del sud di Santini. Per gli appassionati di cocktail, questo è anche l'angolo in cui si trovava il Gabinetto Imperiale di Ramos (Ramos Gin Fizz) e dopo il proibizionismo dove si è trasferito il Sazerac Bar. Foto da OldNewOrleans.com.

Brandy Crusta-DL.jpg

2016 Diana Lehman pronipote di Joseph Santini in visita al Bourbon O Bar.

Le ho fatto il primo Brandy Crusta.

Tujague's_Corner_by_Day.jpg

Di Chad Kainz (Flickr: Tujague's) [CC BY 2.0  (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], tramite Wikimedia Commons

pat_obrien.jpg

Charlie Cantrell e Pat O'Brien da p atobriens.com.

900px-Pat_O'Brien's_by_day.jpg

Di Matt Boulton (Flickr: Pat O'Brien's) [CC BY-SA 2.0  (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], tramite Wikimedia Commons

900px-Hurricane_at_Pat_O'Brien's.JPG

Di NOLAskip [CC BY-SA 3.creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], da Wikimedia Commons

1599px-Hurricane_cocktail_at_Pat_O'Brien

Di MusikAnimal [CC BY-SA 4.0  (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], da Wikimedia Commons

1-ramos.jpeg
1800s-Ramos-Bar.jpeg
carouselbar.jpg

Oggi il lobby bar dell'Hotel Monteleone si chiama Carousel Bar. Negli anni '50, questo spazio si chiamava The Swan Bar. Nel 1968 fu costruito a. Foto di  Chris.j.Cook [GFDL CC-BY-SA-3.0  CC BY 3.0 da Wikimedia Commons

2006 Carousel Bar photo By Chris.j.cook [CC BY 3.0 da Wikimedia Commons

photo.JPG

6006 Dauphine Street dove viveva Walter quando morì il 13 febbraio 1947.

5558e09f-5a10-4263-b074-cf76623441ee.jpg

Il fratellastro di Walter  George Bergeron di Fairlee su ancestry.com

klebert.jpg

L'unico figlio di Walter, Klebert  "Bro" a sinistra e in basso. Gli altri due sono il nipote e il pronipote di Walter . Foto da dignitàmemorial.com.

L'unico figlio di Walter è il terzo in alto da sinistra. Posso solo presumere che tutti gli uomini più anziani della famiglia. Dal momento che non è stata trovata alcuna immagine di Walter, per ora questa è la più vicina. Photo from dignitàmemorial.com.

Screen Shot 2018-10-08 at 7.50.58 PM.png
Screen Shot 2018-11-24 at 10.23.58 PM.pn
irishcoffee.jpg

Caffè irlandese congelato a

di Molly

New York

Tè freddo di Long Island - Oak Beach Inn

Il barista di Long Island Robert "Rosebud" Butt afferma di aver inventato questa bevanda. Sul suo sito web liicetea.com ha scritto: "Il famoso Long Island Iced Tea è stato inventato per la prima volta nel 1972 da me, Robert Butt, mentre stavo tendendo un bar al famigerato Oak Beach Inn. Soprannominato 'Rosebud' dal proprietario di OBI Bob Matherson, ho partecipato a un Cocktail creando un contest. È stato necessario includere Triple Sec e le bottiglie hanno iniziato a volare. La mia miscela è stata un successo immediato ed è diventata rapidamente la bevanda della casa all'OBI. " 

 

A metà degli anni '70, ogni bar di Long Island serviva questo cocktail dall'aspetto innocente e negli anni '80 era conosciuto in tutto il mondo. Anche se sembra il tè freddo che tua madre serve in un giorno d'estate, in realtà è una combinazione di cinque diversi alcolici, con una spruzzata di Coca-Cola. 

 

Gli inventori della serie PBS hanno documentato Butt il 22 febbraio 2013 su pellicola.  Butt prepara il Long Island Iced Tea nella sua cucina bianca luminosa a mobile aperto con sette ingredienti allineati sul bancone: vodka Smirnoff, gin Seagram, rum Bacardi, tequila oro Jose Cuervo, Dekuyper triple sec, commerciale agrodolce e Coca-Cola. Versa un colpo di ogni spirito (senza un jigger). Un colpo potrebbe essere di 1 oncia, o 1,25 once, o anche 1,5 once, a seconda dello stabilimento. Quindi, questa bevanda, secondo Butt, potrebbe contenere tra 5 e 7,5 once di alcol! Oggi, quasi tutti i baristi versano mezzi bicchierini per far contare l'alcol totale a 2,5 once. Molti stabilimenti hanno linee guida su quante once di alcol possono essere in una bevanda. Tuttavia, se sei a casa nella tua cucina come Butt era nel video, fallo come vuoi, perché ne berrai solo uno.

 

Ho provato a localizzare Robert, ma per il momento non ho avuto fortuna.

 

Manhattan  

Le prime ricette conosciute per il Manhattan compaiono in tre libri di cocktail del 1884: How To Mix Drinks di George Winters, JW Gibson, Scientific Bar-Keeping e The Modern Bartender's Guide di OH Byron.

 

Da quello che sappiamo, il Manhattan era il cocktail d'autore al Manhattan Club di New York negli anni '70 dell'Ottocento. Allora era fatto con parti uguali di whisky di segale e vermouth dolce con un pizzico (o due) di bitter all'arancia, ma non è chiaro chi l'abbia inventato. 

Ci sono due storie diverse. La storia del record rotto è che è stato creato al Manhattan Club per una cena organizzata da Lady Randolph Churchill per celebrare l'elezione di Samuel Tilden a governatore nel 1874. Tuttavia, i ricercatori del cocktail hanno scoperto che la Lady era in Inghilterra incinta di Winston Churchill in questo momento tempo. 

 

La seconda storia viene da un articolo scritto nel 1923 Valentine's Manual of Old New York (Volume 7) da un barista sessantenne di nome William F. Mulhall, che aveva mescolato bevande a New York per trent'anni. Parla in dettaglio per undici pagine di barman, bar, risse, buttafuori, prezzi, cocktail popolari e cocktail meno popolari di New York. Mulhall inizia l'articolo parlando del suo primo giorno di lavoro alla Hoffman House all'angolo tra Twenty-Fifth e Broadway nel settembre 1882. Otto pagine dopo, cita il Manhattan: 

 

 

“Il cocktail Manhattan è stato inventato da un uomo di nome Black, che negli anni Sessanta teneva un posto dieci porte sotto Houston Street a Broadway, probabilmente la bevanda mista più famosa al mondo ai suoi tempi. Il cocktail rese famosa l'America e ce n'erano molte varietà - in effetti, la varietà era infinita - ricordo che all'Hoffman ai vecchi tempi un gentiluomo entrava e si sedeva a un tavolo con la sua festa e il cameriere veniva oltre e ordina la sua formula particolare per la festa. Avevamo molte formule private per le bevande miste all'Hoffman e anche i baristi dovevano impararle a memoria, in modo che l'ordine potesse essere servito rapidamente. " 

 

 

Nel 1882, la prima menzione nota di un cocktail Manhattan è stata nel Sunday Morning Herald di Olean, New York: "È solo poco tempo fa che una miscela di whisky, vermouth e bitter è diventata di moda"._cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_

 

Virginia

Julep di menta

David Wondrich è, senza dubbio, lo storico di cocktail numero uno d'America. Definisce il Mint Julep la "prima vera bevanda americana". Le sue scoperte più recenti di Mint Julep provengono dalla Virginia nel 1770. Tuttavia, Wondrich ritiene che il famoso barista di New York Orsamus Willard, alias Willard, sia responsabile di aver reso popolare la versione ghiacciata.  Wondrich dice anche è iniziato come un cocktail a base di rum, poi whisky, poi brandy, poi Bourbon. Dal 1938, il Kentucky Derby promuove il Mint Julep come cocktail ufficiale, proprio come Wimbledon promuove la Pimm's Cup. 

 

Per quanto ne sappiamo, nel 1803 il Mint Julep fu visto per la prima volta in stampa in una pubblicazione londinese, Travels of Four Years and a Half in the United States , di John Davis. E nel 1837, il romanziere capitano Frederick Marryat rese popolare il Mint Julep attraverso le sue descrizioni delle celebrazioni americane del 4 luglio scrivendo: "Devo decantare un po' il Mint Julep, così com'è, con il termometro a 100? Una delle bevande più deliziose e insinuanti che sia mai stata inventata, e può essere bevuta con uguale soddisfazione quando il termometro arriva a 70 gradi? Mentre il ghiaccio si scioglie, bevi. Una volta ho sentito due signore nella stanza accanto a me, e una di loro ha detto: "Beh, se ho un debole per una cosa, è per un 'Mint Julep!'" - una debolezza molto amabile, che lo dimostra buon senso e gusto. Sono, infatti, come le signore americane, irresistibili".

 

Luoghi multipli

Cosmopolita - Minnesota, California, Miami e New York

Ho passato molti anni a fare ricerche sul Cosmopolitan, quindi ha una sua storia nella mia pagina di storia del Cosmopolitan Cocktail .

 

 

 

 

Moscow Mule - California e New York

Il Moscow Mule è stato il primo cocktail di vodka Smirnoff introdotto in America. Per quanto riguarda la storia, beh, ci sono molte parti in movimento nella storia e la maggior parte sono senza prove documentate. 

 

C'è un viaggio su strada per scattare foto con una fotocamera Polaroid del 1947 (ma nessuna foto); un'immigrata russa del 1941 di nome Sophie con 2.000 tazze di rame massiccio (ma nessuna tazze vintage); un venditore di alcolici degli anni '30 di nome John dal Connecticut che vendeva vodka Smirnoff (questo è vero); un famoso proprietario di un bar e ristorante Cock 'n Bull di Los Angeles di nome Jack, con troppa birra allo zenzero in stock, che dice di averla inventata a New York City; e il barista capo di Jack, Wes, che ha detto che stava ripulendo il seminterrato di Los Angeles, ha trovato troppa vodka e birra allo zenzero in magazzino e l'ha inventata lui—wow! 

 

Le pubblicità su riviste negli anni '50 e '60 pubblicizzavano il Moscow Mule per portare la bevanda al semi-successo, ma nel 1962 quando James Bond bevve Smirnoff Vodka Martini nel primo film di James Bond, Dr. No, beh, fu allora che Smirnoff vodka e lo scosso -Il Martini non mescolato si è diffuso a macchia d'olio in tutto il mondo.  Il Moscow Mule ha avuto una resurrezione intorno al 2010 e nel 2016 sono state trovate variazioni della bevanda su quasi un menu di cocktail._cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_

 

 

 

Altri cocktail americani

Altri cocktail / bevande miste inventati in America con poca o nessuna storia includono Alabama Slammer, Appletini, Bushwhacker, Cape Cod, Chocolate Martini, Colorado Bulldog, Flaming Dr. Pepper, Fuzzy Navel, Harvey  Wallbanger, Jack Rose, Lynchburg Lemonade, Martini, Melon Ball, Mudslide, Pink Lady, Sex on the Beach, Tom e Jerry e Washington Apple. 

Intorno al mondo

 

brasile

Caipirinha 

 

La Caipirinha (kye-purr-REEN-yuh) è la bevanda nazionale del Brasile. È fatto con cachaça ( kuh -SHA- suh ) , che è rum brasiliano. Ci sono centinaia di marche di cachaça in Brasile.  Ci sono diverse storie sulla sua storia, ma un documento di Paraty del 1856 trovato di recente (vicino a Rio de Janeiro) dice: “A causa [della preoccupazione per il colera e acqua], per necessità cominciammo a mescolare il mezzo aguardiente con acqua, zucchero e lime, perché era proibito bere acqua pura”. Aguardiente è rum. 

 

 

BELGIO 

Nero Russo—Hotel Metropole  

Si ritiene che il barista dell'Hotel Metropole Gustave Tops abbia creato il Black Russian nel 1949 per la socialite americana Perle Mesta (ambasciatore degli Stati Uniti in Lussemburgo). L'Hotel Metropole, ancora in attività oggi, è uno dei monumenti storici più importanti di Bruxelles. 


 

BERMUDA 
Dark 'n Stormy 

Il Dark 'n Stormy è il cocktail ufficiale delle Bermuda e la prima cosa che dovresti sapere è che è registrato, il che significa che non puoi legalmente produrre un Dark 'n Stormy con nessun rum diverso dal rum Black Seal di Gosling. L'azienda possiede il marchio sul nome, abbigliamento, kit contenenti rum e ginger beer, servizi bar e una versione premiscelata della bevanda. 

 

Ci sono altri cocktail con marchio di fabbrica nel mondo, tra cui il New Orleans's Hand Grenade e il Cajun Martini dello chef Paul Prudhomme. Nel 1936, la Corte Suprema di New York stabilì che un autentico “Cocktail Bacardi” doveva essere preparato con Bacardi Rum. 

 

The Dark 'n Stormy è stato creato all'inizio del 1900 e ha ottenuto un marchio americano nel 1991. Le sue origini provengono dalla fabbrica di birra allo zenzero di grande successo che era gestita come filiale del Royal Naval Officers' Club delle Bermuda. Presto scoprirono che una spruzzata di rum nero locale (Gosling's) era proprio ciò che mancava alla birra allo zenzero. Si dice che il nome abbia avuto origine quando un vecchio sale (un narratore di storie di mare) osservò che la bevanda era del "colore di una nuvola sotto la quale solo un pazzo o un morto navigherebbe", probabilmente seguito da "Barman, io' avrò un altro Dark 'n Stormy." 

 

L' inglese William Gosling e suo figlio James salparono nel 1806 a bordo della Mercury trasportando £ 10.000 di vino e liquori (che è quasi $ 1 milione nella valuta del 2018). Si sono fermati alle Bermuda, non con l'intenzione di fare delle Bermuda la loro destinazione, e hanno deciso di rimanere e aprire un negozio. Presto mandarono a chiamare altri membri della famiglia.

 

Nel 1824, i fratelli Gosling James e Ambrose aprirono un negozio di vini e liquori alle Bermuda e nel 1857 lo ribattezzarono Gosling Brothers. Si presume che un giorno si siano guardati intorno e abbiano pensato: "Ehi! Passiamo tutto questo tempo a vendere l'alcol di altre persone, perché non produciamo il nostro per venderlo?" Tuttavia, c'era un problema: non c'era abbastanza terra alle Bermuda per coltivare. Pertanto, hanno importato botti di rovere di distillato di rum dai Caraibi. James e Ambrose hanno fatto molti esperimenti con la miscelazione per molto tempo, e presto il caratteristico rum nero era pronto per essere venduto. 

 

Decisero di venderlo direttamente dalla botte, in modo che i clienti potessero entrare in negozio e riempire le loro bottiglie con l'“Old Rum. Dopo la prima guerra mondiale, James e Ambrose riciclarono le bottiglie di champagne dalla mensa degli ufficiali britannici e usarono la ceralacca nera per sigillare i tappi. I bar iniziarono a rifornire il rum e gli avventori chiedevano il rum "sigillo nero". Più tardi, un gioco di parole e immagini ha dato vita alla piccola etichetta della bottiglia “Black Seal”, giocoleria a botte. 

 

Oggi, il volto dell'azienda è Malcolm Gosling, che è il gregario bis-bis-bisnipote di Ambrose Gosling. Malcolm sta diffondendo il vangelo del rum di Gosling in tutto il mondo. Forse durante i suoi viaggi si imbatterà nell'altro famoso Gosling, che si chiama Ryan, e potrebbe portare le vendite di Rum di Gosling alle stelle. 

 

 

Cuba 

Cuba Libera 

Cuba è famosa per questi tre cocktail e, grazie agli stimati storici dei cocktail Anistatia Miller e Jared Brown, abbiamo le informazioni più aggiornate su questi cocktail dal loro libro del 2012 Cuban Cocktails. 

 

"Cuba Libre" si traduce in "Cuba libera" e il cocktail è semplicemente fatto con rum, cola e una spruzzata di lime. Si dice spesso che Teddy Roosevelt e i suoi Rough Riders lo abbiano inventato nel 1898 durante la guerra ispano-americana, ma la Coca-Cola non è arrivata a Cuba fino al 1902. Quello che sappiamo è che è stata menzionata una bevanda del 1872 chiamata Cuba Libre nel New York Herald; tuttavia, i suoi ingredienti consistevano in miele e acqua calda. La successiva pubblicazione nota del Cuba Libre è nel libro del 1928 When It's Cocktail Time in Cuba, di Basil Woon, che scrisse che era disponibile all'American Club dell'Avana. Nel 1935 il New Yorker pubblicò la ricetta esatta ma con il nome Carioca Cooler (Carioca era una marca di rum). La bevanda fa la sua apparizione in molte altre pubblicazioni fino al 1979 che variano per tipi e dimensioni di bicchieri. 

 

Daiquiri 

Il Daiquiri di oggi è composto da tre ingredienti: rum, succo di lime e zucchero. La storia più comune della sua invenzione viene da un uomo di nome Cox, e si dice che abbia preso il nome dalla località balneare cubana Daiquiri. 

 

È praticamente d'accordo sul fatto che il Daiquiri fosse un'invenzione dei marinai come elisir per prevenire e curare lo scorbuto (una malattia derivante dalla mancanza di vitamina C). Per molti anni è stato confuso con il Bacardi Cocktail, ma un libro di memorie del 1699 del capitano William Dampier intitolato A New Voyage Round the World diceva: “Le navi  provenienti da alcune delle isole dei Caraibi sono sempre ben conservate con Rum, Zucchero e Succo di Lime per fare il Punch, per rincuorare i loro Uomini quando sono al lavoro per prendere e portare a bordo la Salt; e di solito forniscono di più, nella speranza di incontrare corsari, che ricorrono qui nei suddetti mesi, apposta per celebrare un Natale, come lo chiamano, assicurandosi di incontrare abbastanza liquori con cui divertirsi, e sono molto generosi per quelli che li trattano.” 

 

Esistono molte versioni di rum e zucchero mescolati con succo di limone a partire dal 1734, ma la prima volta che una ricetta menziona il succo di lime è nel libro del 1914 Drinks di Jacques Straub, che lo definì un cocktail Daiquiri. L'autore Hugo R. Ensslin lo definì un cocktail cubano nel 1916 e una carta di complimento dell'Havana Club del 1934 lo chiamava Havana Club Special. 

 

Il critico di ristoranti G. Selmer Fougner (1885–1941) pubblicò la ricetta sotto il nome "Daiquiri" nel 1935 e, un anno dopo, lo Sloppy Joe's Cocktails Manual fece lo stesso. Da quel momento in poi è rimasto praticamente lo stesso, ad eccezione degli spin-off aromatizzati. The Frozen Daiquiri è stato pubblicato per la prima volta nel Bacardi Party Book del 1976 e del 1979. 

 

Mojito

Proprio come il Cosmopolitan è un matrimonio tra un Cape Cod e un Kamikaze fatto con vodka al limone, il Mojito è un matrimonio tra un Daiquiri e un Rum Mint Julep. Oggi il Mojito è fatto con cinque ingredienti: rum, lime, zucchero, menta e acqua frizzante. 

 

In un libro del 1981 di Fernando G. Campoamor, l'autore parla di una bevanda chiamata "Draque" (in spagnolo drago). Questa miscela del 1586 di aguardiente de caña (rum), zucchero e hierbabuena cubana (menta) sembra prendere il nome da Sir Francis Drake e data a lui - e ai suoi marinai - come razioni medicinali. Queste combinazioni di ingredienti appaiono di nuovo in stampa nel 1753 e nel 1838. 

 

L'anno 1910 è stata la prima volta che la parola "mojito" è stata trasformata in una ricetta per cocktail. Fu al bar La Concha dell'Hotel-Balneario a L'Avana, Cuba, quando un addetto al bar di nome Rogelio creò un cocktail con rum, succo di limone, zucchero, angostura e soda. Come probabilmente avrai notato, se tralasci l'amaro, mancano solo la menta e il lime. 

 

La bevanda ha subito molte varianti, ma alla fine nel 1935 Bar la Florida all'Avana ha servito una bevanda chiamata Mojito Criollio che conteneva quattro ingredienti del Mojito che conosciamo oggi. L'unica differenza è che richiedeva il limone invece del lime.  Infine, nello Sloppy Joe's 1936 Cocktails Manual dell'Avana, vediamo un cocktail chiamato Mojito fatto con rum, lime, zucchero, menta e soda acqua. A causa della Rivoluzione Cubana del 1959, nessuno poteva visitare Cuba. Sloppy Joe's ha chiuso nel 1965 e ha riaperto nel 2013. 

 

 

 

Inghilterra 

Pimm'sCup—Pimm's Oyster Bar 

James Pimm (1798–1866) inventò la Pimm's Cup nel 1823. Non solo Pimm creò il cocktail, ma inventò anche lo spirito a base di gin usato nel cocktail.  Pimm era il figlio di un contadino di Newnham, Kent, ma ha studiato in Scozia. Poco più che ventenne si trasferì a Londra e vendette pesce. All'età di venticinque anni aprì il suo primo oyster bar di fronte a Buckingham Palace. Il suo tonico n. 1 di Pimm contiene una miscela segreta di erbe e liquori creata per aiutare la digestione. 

 

Pimm iniziò la produzione su larga scala nel 1851 per tenere il passo con le vendite ad altri bar, e poi nel 1859 fu venduto commercialmente. Pimm aprì molti altri bar di ostriche, e poi all'età di sessantasette anni, uno un anno prima di morire, vendette le sue attività e i diritti sul suo nome. 

 

Molti visitatori di New Orleans pensano che la Pimm's Cup sia stata inventata nel ristorante e bar del quartiere francese Napoleon House. La Napoleon House divenne un ristorante per la prima volta negli anni '40 e non si sa come sia diventata famosa per la Pimm's Cup. Si potrebbe immaginare che un inglese avesse qualcosa a che fare con questo. Oggi la Pimm's Cup è la bevanda ufficiale di Wimbledon. 

 

 

france 

Mimosa-Hotel Ritz Parigi

Il barista in parte austriaco e in parte ebreo Frank Meier è accreditato di aver inventato la Mimosa nel 1923 all'Hotel Ritz Paris. Il suo primo nome per la bevanda era Champagne Orange. Meier iniziò a lavorare nell'hotel nel 1921 come primo barista capo al Café Parisian. Oggi il bar si chiama Bar Hemingway. Meier pubblicò un libro di cocktail art déco nel 1936 intitolato The Artistry of Mixing Drinks. Il libro contiene solo le sue ricette di cocktail preferite. 

 

Dovresti sapere che anche l'Inghilterra ha inventato un cocktail con gli stessi ingredienti (porzioni diverse) e lo ha chiamato Buck's Fizz. 

 

messico 

Margherita

Il Margarita ha tre ingredienti: tequila, triple sec (liquore all'arancia) e succo di lime. Probabilmente non conosceremo mai la vera storia di chi ha inventato la bevanda nazionale messicana, la Margarita. Sinceramente, è come giocare un round al programma televisivo di To Tell the Truth. 

 

Carlos "Danny" Herrera affermò di averlo inventato nel 1938 nel suo ristorante Rancho La Gloria (cinque miglia a sud di Tijuana, in Messico) per la ballerina di Ziegfeld Marjorie King. 

 

Un barista di nome Willie l'ha creato per Marguerite Hemery al Dos Republicos di Matamoros, Tamaulipas, Messico. 

 

Enrique Gutierrez ha detto di averlo creato a Tijuana, in Messico, per l'attrice cinematografica Rita Hayworth, il cui nome di nascita era Margarita Cansino. 

 

Il barista Don Carlos Orozco disse di averlo inventato alla Cantina Hussong a Ensenada, in Messico, nel 1941 per una donna di nome Margarita. 

 

Francisco "Pancho" Morales disse di averlo inventato il 4 luglio 1942, al Tommy's Place Bar vicino al confine con El Paso, quando una donna chiese una Magnolia. 

 

Una proprietaria di un bar di Acapulco di nome Margaret Sames ha detto di averlo inventato. 

 

 

italia 

Bellini—Harry's Bar 

Il barista e proprietario dell'Harry's Bar, Giuseppe Cipriani (1900–1980), ha inventato il Bellini nel 1931 a Venezia, in Italia. Cipriani è nato a Verona, in Italia. Prima di diventare barista, Cipriani voleva viaggiare e imparare il più possibile. Ha lavorato in una fabbrica di orologi, in una pasticceria e come cameriere in alcuni hotel molto eleganti in Francia, Belgio e Italia. Il proprietario dell'Hotel Europa gli disse che doveva fare il barman perché aveva il tono giusto con i clienti e conosceva molte lingue. Questo ha piantato un seme all'interno di Cipriani e ha così iniziato il suo sogno di aprire un bar elegante dove i clienti non dovevano attraversare un ingresso e una hall intimidatori per raggiungere il bar. 

 

Entra Harry Pickering. Pickering era un giovane e ricco studente americano che viaggiava con sua zia per aiutarla a smettere di bere così tanto. Finirono per litigare e la zia lo lasciò con pochissimi fondi. Cipriani decise di prestare a Pickering 10.000 lire. Il tempo passò e un giorno Pickering riapparve e restituì a Cipriani i suoi soldi con un pagamento di interessi di 30.000 lire (per un totale di circa 200.000 dollari nel 2017). Così, Cipriani aprì l'Harry's Bar il 13 maggio 1931. 

 

Re, presidenti e celebrità nel corso degli anni hanno visitato l'Harry's Bar e il Bellini è servito ancora oggi. 

 

perù 
Pisco Sour 

Dal 1916 al 2014 si credeva che il Pisco Sour fosse stato inventato da Victor Vaughen "Gringo" Morris (1873– 1929), originario di Salt Lake City, Utah, al Morris Bar, il suo American Bar a Lima, in Perù.   Tuttavia, nel 2014, lo scrittore peruviano Raúl Rivera Escobar ha scansionato un opuscolo di Lima del 1903 pubblicato da SE Ledesma e poi lo ha caricato online. Mostrava un cocktail dal nome "Cocktail" contenente tutti gli ingredienti di un Pisco Sour. Morris non era in Perù nel 1903, quindi non c'è modo che potesse sapere dell'opuscolo, ma è comune che baristi diversi creino un cocktail con gli stessi ingredienti. 

 

 

 

portorico

Pina Colada
La Piña Colada (tradotta in "ananas colato") è la bevanda nazionale di Porto Rico, ma nessuno conosce la vera storia della sua invenzione. La prima volta che le parole "Piña Colada" furono stampate fu in una rivista di viaggi del 1922 che diceva: "Ma la cosa migliore è una Piña Colada, il succo di un ananas perfettamente maturo - una bevanda deliziosa in sé - rapidamente scosso con ghiaccio, zucchero, lime e rum Bacardi in proporzioni delicate. Cosa potrebbe esserci di più succulento, più dolce e più profumato?" Come puoi vedere, c'è del succo di lime al posto del cocco, quindi questa bevanda potrebbe essere stata facilmente chiamata daiquiri all'ananas. 

 

Per quanto riguarda il riferimento Bacardi, Bacardi all'epoca era rum cubano, ma si espanse a Porto Rico nel 1936. Poi durante la rivoluzione cubana (1959), Bacardi lasciò Cuba. C'era una bevanda cubana simile creata negli anni '20 con acqua di cocco, ma la moderna Piña Colada utilizza la crema di cocco Coco López. 

Coco López è stato inventato a Porto Rico dal professore di agricoltura e scienziato Ramón López Irizarry (1897–1982) che ha utilizzato i fondi delle sovvenzioni governative per creare un modo più semplice per estrarre la crema dalla polpa di cocco. Irizarry perfezionò il processo nel 1949 all'età di cinquantadue anni. Ha venduto l'azienda nel 1966 ed è morto milionario sedici anni dopo. 

Ci sono tre storie che rivendicano la creazione della Piña Colada e la maggior parte tende al numero uno. 

Il barista del Caribe Hilton di San Juan, Ramón "Monchito" Marrero Perez, affermò di aver creato la bevanda il 16 agosto 1954, utilizzando il nuovo prodotto Coco López crema di cocco al Beachcomber Bar.

Il barista del Caribe Hilton di San Juan Ricardo García ha affermato di aver creato la bevanda durante uno sciopero del sindacato dei tagliatori di cocco nel 1954. 

Il barista del ristorante Barrachina Ramón Portas Mingot ha affermato di aver creato la bevanda nel 1963.

 

 

 

 

Singapore
Sling Singapore: il LongBar | RafflesHotel 

Il Long Bar del Raffles Hotel ha rivendicato il Singapore Sling, tuttavia molti storici dei cocktail non sono d'accordo. L'hotel dice che il capo barista hainanese-cinese Ngiam Tong Boon l'ha creato e hanno persino una ricetta originale scritta a mano nel Raffles Hotel Museum. Sul loro menu c'è scritto: "The Singapore Sling è stato creato al Raffles Hotel all'inizio del secolo dal barista hainanese-cinese , il signor Ngiam Tong Boon". Nel museo dell'hotel, i visitatori possono vedere la cassaforte in cui il signor Ngiam ha rinchiuso i suoi libri di ricette, così come la ricetta Sling annotata su una pedina del bar nel 1936 da un visitatore dell'hotel che l'ha chiesto al cameriere. Nel corso degli anni ci sono state variazioni sulla ricetta, che iniziava con quattro ingredienti e comprende oggi sette ingredienti.