Storia dell'alcol in America

Cabinet des Médailles [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons

Per quanto ne sappiamo, la birra fu prodotta per la prima volta nell'8000 a.C., il vino nel 6000 a.C. e gli alcolici per il consumo nel 1192. Tuttavia, si ritiene che siano stati consumati molti anni prima. La distillazione dell'alcol medicinale fu scoperta per la prima volta nel 900 d.C. e la prima parola conosciuta per uno spirito distillato consumabile era "aqua vitae" (AH-qua VEE-tee o talvolta pronunciato VEE- ti ), che si traduce dal latino in "acqua della vita". " Arnaud de Ville-Neuve coniò la parola nel 1310 dopo aver distillato il vino con un alambicco. La traduzione francese è eau-de-vie (o-duh-VEE).

Secondo gli stimati storici di alcol e cocktail Anistata Miller e Jared Brown, il trentatreenne esploratore e missionario francese William de Rubruquis, alias Guglielmo di Rubruck (1220–1293), fu il primo a menzionare uno spirito chiamato arrack (uh- RACK). Nel 1292, Marco Polo (1254-1324)  commentò l'arrack nel suo libro di memorie di viaggio Il Millione , ed è registrato che i mercanti genovesi portarono l'arack in Russia un secolo prima. L'arrack viene distillato dalla melassa e dall'acqua utilizzando torte essiccate di riso rosso e prodotti botanici contenenti spore di lievito e altri funghi che innescano il processo di fermentazione. È stato prodotto sull'isola di Giava, a Batavia, e la tecnica può essere fatta risalire a migliaia di anni fa in Cina e precede persino la nascita della distillazione. L'isola ha subito molti cambi di nome nel corso della storia, ma oggi si chiama Jakarta (o Djakarta) e si trova in Indonesia. Lentamente nel corso degli anni i distillati di vodka, gin, whisky, rum, tequila e liquori hanno fatto un'apparizione commerciale.

Le migliori cose da sapere sull'alcol

Il primo alcol conosciuto dall'umanità è la birra, poi il vino e poi gli alcolici.

 

Esistono diversi tipi di alcol, ma l'alcol etilico (etanolo) è l'unico potabile.

 

Gli alcolici distillati furono usati per la prima volta come medicina. I primi sforzi di distillazione furono per oli e profumi.

 

Vodka, gin e rum possono essere prodotti ovunque nel mondo. Tuttavia, la tequila deve essere prodotta in Messico, il whisky scozzese in Scozia, il whisky irlandese in Irlanda, il whisky canadese in Canada, il bourbon in America (e così via con i whisky), il pisco in Perù e Cile e la cachaça in Brasile.

 

Una birra da dodici once ha la stessa quantità di alcol di un bicchiere di vino da cinque once e un'oncia e mezza di uno spirito.

 

Il grano produce whisky e birra; la frutta fa vino e brandy; l'uva coltivata nella regione francese del Cognac produce il Cognac; l'uva coltivata nella regione francese della Champagne produce Champagne; il miele fa l'idromele; la canna da zucchero fa il rum; l'agave fa la tequila; La canna da zucchero brasiliana produce la cachaça; gli avanzi scartati della vinificazione cilena e peruviana producono il pisco; e tutto può fare la vodka.

 

Quando si beve un drink, l'alcol passa attraverso le pareti dello stomaco e dell'intestino tenue nel flusso sanguigno. Il tuo sangue porta quindi l'alcol al cervello, quindi il fegato filtra l'alcol dal sangue.

 

La scoperta della distillazione ha fornito praticità, portabilità e conservazione. Non c'era più bisogno di preoccuparsi del deterioramento (come con birra e vino), e viaggiare con una bottiglia di brandy - o porto, sherry e Madeira - era molto più facile che trascinarsi dietro un barile.

 

La maggior parte degli alcolici varia intorno a 80 prove (40 percento ). Il limite legale più alto per la prova dello spirito è 190 (95 percento ), ma chi vorrebbe berlo è in discussione.

 

I cocktail alcolici più popolari al mondo oggi includono Martini, Margarita, Mojito, Manhattan, Old-Fashioned, Daiquiri, Bloody Mary, Mint Julep, Piña Colada, Cosmopolitan, Whisky Sour, Sazerac, Tom Collins, Caipirinha e Negroni.

Pittura di pubblico dominio di Marco Polo e dei suoi viaggi.[CC BY-SA 2.5 from Wikimedia Commons]

1563px-Early_writing_tablet_recording_th

Tavoletta con ricetta della birra antica di BabelStone [CC BY-SA 3.0 Wikimedia Commons]

Antico ancora olio e profumo. Pubblico dominio via Wikimedia Commons

CMOC_Treasures_of_Ancient_China_exhibit_

Tavoletta per la vinificazione antica By Editor at Large [CC BY-SA 2.5 from Wikimedia Commons]

1600px-Marco_Polo_traveling.JPG

Pittura di pubblico dominio di Marco Polo e dei suoi viaggi.

PSM_V51_D392_Ancient_still_for_extractio

Cronologia dell'alcol in America

776

All'età di trentanove anni, l'alchimista e chimico persiano Al Jabir (Abu Musa Jabir ibn Hayyan) inventa l'alambicco al-ambiq come parte della sua attrezzatura di laboratorio.

 

830

Il filosofo, medico e poliedrico arabo musulmano Al-Kindi (801–873) distilla un elisir digeribile da un alambicco.

 

900

Il poliedrico, filosofo e medico persiano Al-Razi (854–925) scopre molti composti e sostanze chimiche nelle sue sperimentazioni medicinali, e uno di questi è l'alcol.

 

1000

I Mori (il nome dato a una vasta popolazione di arabi, berberi nordafricani e musulmani europei) introducono metodi di distillazione dell'alambicco in Francia e Spagna.

 

1144

Il traduttore inglese e arabo Robert of Chester traduce le opere scritte di distillazione da Al-Jabir, Al-Kindi e Al-Razi dall'arabo al latino.

 

1192
I mercanti genovesi portano in Russia uno spirito indiano chiamato arrack.

 

1250

Il frate tedesco e vescovo cattolico Albertus Magnus (noto anche come sant'Alberto Magno) documenta i suoi esperimenti nella produzione dell'acqua vitae.

 

1253

Il re Luigi IX di Francia manda Guglielmo de Rubruquis a convertire i tartari al cristianesimo. Durante il suo viaggio, diventa il primo viaggiatore europeo a menzionare il koumis (latte distillato di cavallo femminile) e l'arrack.

 

1269

Il poeta tedesco Jacob van Maerlant ha pubblicato venti libri nella sua vita e Der Naturen Bloeme cita tonici e medicinali a base di ginepro.

 

1280

Il filosofo inglese e frate francescano Roger Bacon traduce in latino il processo di distillazione di Al-Razi.

 

1292

Durante il viaggio di ritorno da Pechino in Italia, il mercante veneziano Marco Polo scopre uno spirito originario di Samara in Indonesia chiamato "arrack", che è fatto con succo di palma da zucchero. Ne registra lo spirito nel secondo volume de I viaggi di Marco Polo (II Milione in italiano).

 

1297

Il filosofo e scrittore Ramon Llull spiega i segreti della distillazione al re britannico Edoardo II.

 

1310

Il medico Arnaud de Ville-Neuve distilla il vino con un alambicco e conia il termine "aqua vitae".

 

1320

Nel 2008, The Red Book of Ossory (pubblicato nel 1320) diventa il primo libro ad essere digitalizzato presso la RCB Library di Dublino, in Irlanda, nel libro è documentata l'aqua vitae.

 

1404

Un'acquavite a base di cereali prodotta in tutta la Polonia è menzionata nel registro della Corte Sandomierz della Polonia. 

 

1411

L'Armagnac entra in produzione su vasta scala in Francia.

 

1414

L'Armagnac è registrato come prodotto commerciale a Saint-Sever, in Francia.

 

1426

I mercanti genovesi attraversano la Russia e danno a Vasily Vasiliyevich, il Gran Principe di Mosca (noto come Vasily II il Cieco) una bottiglia del loro arak. Si ritiene che nel giro di pochi anni ai monasteri venga ordinato di produrre una versione a base di cereali chiamata vino del pane.

 

1455

Il medico di origine austriaca e di formazione viennese Michael Puff von Schrick scrive A Very Useful Book on Distillations , che descrive ottantadue liquori a base di erbe. Nel 1466 viene stampato e pubblicato. Anche se Schrick muore nel 1473, il libro passa attraverso trentotto edizioni dal 1476 al 1601.

 

1478

Il Liber de Vinis ("Libro dei vini") di Arnaud de Ville-Neuve è tradotto in inglese, stampato e pubblicato. Il libro è pieno di ricette su come fare il vino terapeutico usando erbe, spezie, composti metallici, sciroppi e liquori aromatizzati.

 

1493

Un medico tedesco di Norimberga scrive di kirshwasser, acquavite di ciliegie a base di marasche della Foresta Nera: “Visto che tutti attualmente hanno preso l'abitudine di bere acquavite, è necessario ricordare la quantità che ci si può permettere di bere e imparare a berlo secondo le proprie capacità, se si vuole comportarsi da gentiluomo».

 

1495

La prima menzione registrata di whisky scozzese proviene da una voce del 1 giugno negli Exchequer Rolls of Scotland (documenti contabili). La voce dice: "A frate John Cor, per ordine del re Giacomo IV, di fare aqua vitae VIII capsule di malto". Quattro anni dopo, il conto del Lord High Treasurer registrava il pagamento: "Al barbour che portò l'acqua vitae al re di Dundee".

 

1500

Il chirurgo e alchimista tedesco Hieronymous Brunschwig pubblica Liber de arte distillandi : Das buch der rechten kunst zu distillieren ("Il libro dell'arte della distillazione") a Strasburgo. È un libro rivoluzionario che ispira numerose distillerie olandesi a iniziare a produrre brandewijn (vino bruciato) da cereali maltati.

 

1501

Altri ci avevano provato, incluso Cristoforo Colombo, ma Pedro de Atienza è il primo a importare con successo piantine di canna da zucchero a Hispaniola. Raccoglie il suo primo raccolto quattro anni dopo.

 

1505

Il re di Scozia Giacomo IV concede il monopolio alla Gilda dei chirurghi e dei barbieri per la produzione di acquavite.

 

1510

Il monaco benedettino Dom Bernardo Vincelli crea un'acquavite di erbe a herbal presso l'Abbazia di Fecamp. DOM Bénédictine è ancora venduto oggi e utilizzato in cocktail popolari come Singapore Sling, Vieux Carré e Bobby Burns.

 

1514

Un anno prima di morire, il re Luigi XII di Francia autorizza i produttori di aceto a distillare l'acquavite.

 

1531

A Santiago de Tequila, in Messico, i coloni spagnoli costruiscono alquitaras (alambicchi) e distillano pulque, una bevanda fermentata locale prodotta dalla pianta dell'agave. Chiamano il risultato mexcalli (mezcal).

 

1533

Martim Afonso de Sousa e quattro soci fondano tre pasticcerie e trasformano un vino di canna da zucchero in aguardiente de caña (acquavite di canna da zucchero), che è poi noto come cachaça.

 

La quattordicenne italiana Caterina de' Medici sposa il quattordicenne Enrico, il secondo figlio del re Francesco I di Francia. Porta bottiglie di Liquore Mediceo Toscano, Fraticello ed Elixir Stomatico di Lunga Vita, prodotti dai monaci nelle montagne intorno a Firenze.

 

1534

Il farmacista polacco Stefan Falimirz pubblica il libro riccamente illustrato di trattamenti medici O Ziolach / O Mocy Ich ("Sulle erbe e la loro potenza"), che è uno dei primi a documentare la parola "vodka" e descrive in dettaglio la preparazione di oltre settanta vodka- farmaci a base.

 

1537

Il re Francesco I di Francia concede ai negozi di alimentari all'ingrosso una licenza per la produzione di acquavite.

 

1538

I coloni spagnoli in Perù iniziano a raccogliere ed esportare vino e i raccolti non adatti vengono dati agli agricoltori che producono quello che oggi conosciamo come pisco.

 

1552

Nel libro Constelijck Distilleer Boek , Philippus Hermanni fa riferimento a un'acquavite infusa di ginepro.

 

1575

Lucas Bulsius si trasferisce ad Amsterdam e apre la propria distilleria. Cambia il suo cognome in Bols e inizia a fare jenever. Venticinque anni dopo, Bols diventa il fornitore preferito dei Seventeen Gentlemen, la cerchia ristretta della potente Compagnia Olandese delle Indie Orientali, il che significa che ottiene i primi diritti sui carichi di erbe e spezie, dandogli un vantaggio.

 

1598

I coloni spagnoli iniziano a distillare aguardiente de caña (rum) dalla melassa.

 

1620

I pellegrini portano brandy e gin con loro in America sul Mayflower. Nel 1657 iniziano a importare melassa dai Caraibi per aprire la prima distilleria americana a Boston. Inoltre, nel 1664, costruiscono una seconda distilleria di rum a New York City. 

 

 

Fatti divertenti sull'alcol

I termini gergali per alcol distillato includono "aqua vitae", "spiriti ardenti", "cintura", "alcolici", "acqua di fuoco", "succo di risatina", "grog", "roba dura", "hooch" (si riferisce al fatto che è fatto in casa), "John Barleycorn", "coraggio liquido", "chiaro di luna" (prodotto dalla luce della luna), "berretto da notte", "salsa", "sbuffare", "bere", "swish", "tipple", "toddy" e tot.

 

Nel Regno Unito, è legale che i bambini bevano a casa con i genitori dai sei anni in su. Possono stare in un pub se accompagnati da un genitore e, a sedici anni, bere birra o vino in un pub con i genitori.

 

Il dottor David Kimball, lo storico principale dell'Independence Hall di Filadelfia, nel 1985 ha trovato una scheda del bar della festa d'addio del 1787 alla City Tavern per George Washington. La scheda del bar mostrava che cinquantacinque partecipanti hanno bevuto sessanta bottiglie di claret, cinquantaquattro bottiglie di Madeira, otto bottiglie di whisky, ventidue bottiglie di porter, otto bottiglie di sidro duro, dodici bottiglie di birra e sette coppe di punch alcolico.

 

Secondo Wikipedia, il paese che beve più alcol al mondo è la Repubblica di Bielorussia, che confina con Russia, Polonia, Ucraina, Lettonia e Lituania. Il paese che beve più alcolici è Haiti.

 

L'età più giovane al mondo per bere ha sedici anni e la più anziana venticinque. Ci sono ventitré paesi la cui età per bere è di sedici anni (un paio include Cuba e la Svizzera), e ci sono sette stati in India dove l'età per bere è di venticinque anni. L'alcol è illegale in tredici paesi.

 

Le abitudini di consumo di alcol delle scimmie cercopiteco sono state studiate sull'isola di St. Kitts (le scimmie rubavano bevande ai turisti che prendevano il sole). Hanno appreso che i comportamenti di consumo delle scimmie erano simili a quelli degli umani: astemio, bevitore sociale (la maggioranza, che beve solo con altre scimmie), bevitore regolare e bevitore incontrollato che si ubriacherà fino al coma o alla morte.

 

Whiteclay, Nebraska, ha una popolazione di quattordici anni. Hanno anche quattro negozi di liquori e le loro vendite annuali di birra sono di 3 milioni di dollari (la contea accanto a loro è secca).

 

Tutti i conigli di Playboy che lavoravano nei Playboy Club dovevano conoscere 143 marche di liquori.

 

Crea i tuoi impacchi di ghiaccio flessibili nel congelatore con la tua scelta di vodka semplice, gin, rum, tequila o whisky. Basta versare una tazza d'acqua e una tazza di spirito in un sacchetto di plastica per congelatore, spremere l'aria, quindi sigillare. Sigilla la busta in un'altra busta, quindi mettila nel congelatore. Poiché lo spirito non si congelerà solido, creerà una consistenza morbida e flessibile.

 

Trovare la prova di uno spirito risale al 1500 . Hanno scoperto che se immergi una pallina di polvere da sparo nello spirito e la polvere da sparo potrebbe ancora bruciare, gli spiriti erano classificati al di sopra della prova. Nel 1800, il test della polvere da sparo fu sostituito da un test di gravità specifica.

Re Luigi IX di Francia / Public Domain [CC BY-SA 2.5 from Wikimedia Commons]

Antico ancora olio e profumo. Pubblico dominio via Wikimedia Commons

Woman_distilling_Wellcome_L0043958.jpg

Una donna al lavoro per distillare.   Wellcome Images  Public domain via Wikimedia Commons

EXV2_D417_Distilling_arrack_in_a_Tatar_y

Distillare l'arrack in una yurta tartara. Università di Toronto  [dominio pubblico], tramite Wikimedia Commons

Saint_Louis_IX_by_El_Greco.jpg

Re Luigi IX di Francia / Public Domain [CC BY-SA 2.5 from Wikimedia Commons]

Titulyarnik_-_Vasily_Vasiliyevich.jpg

Il Gran Principe di Mosca Vasily Vasiliyevich/Public domain], tramite Wikimedia Commons

Screen Shot 2018-09-22 at 1.29.37 AM.png
Screen Shot 2018-09-22 at 1.35.10 AM.png
Falimirz_O_ziołach_BUAM.JPG

MOs810   / Stefan Falimirz - "O ziołach imocy ich" - primo erbario polacco, 1534 /da Wikimedia Commons]

KatharinavonMedici.jpg