Baristi famosi e influenti

Pubblico dominio via Wikimedia Commons

Non sapremo mai delle migliaia di famosi servitori di bevande nel corso della storia in villaggi, paesi e città che hanno servito libagioni liquide con passione , ma è concordato che probabilmente avevano molto in comune con gli appassionati baristi degli ultimi tre secoli. Molte cose possono rendere memorabile un barista: personalità, essere il migliore in qualcosa, scrivere libri, essere registrato nei media, iniziare una nuova tendenza, essere rispettato e riconosciuto dai colleghi, vincere un concorso rispettabile, sperimentare un nuovo metodo, cose che posso' Non pensare proprio ora, o tutto quanto sopra.

 

Non hai davvero bisogno di questa pagina web per conoscere i barman del passato perché ci sono diversi articoli   già scritti da alcuni dei migliori storici di cocktail di oggi tra cui David Wondrich, Jared Brown e Anistatia Miller.


Catone Alessandro

La socialite di New York William Dunlap ha scritto: “Chi non ha sentito parlare di Cato Alexander? Non conoscere Catone non è conoscere il mondo. Cato Alexander (1780–1858) nacque a New York come schiavo e ritenuto libero dalla "Legge per l'abolizione graduale della schiavitù". Da ragazzo, ha lavorato in una locanda e ha persino aiutato il presidente George Washington a salire e scendere da cavallo. Intorno al 1812 aprì una taverna in una zona di New York City che oggi è considerata Midtown East (attorno alla Second Avenue e alla Fifty-Fourth Street).

 

Alexander era famoso per il suo punch al brandy, i cocktail al gin, i julep e gli zabaione. Il suo bar rimase aperto fino al 1840 ed era molto conosciuto tra l'élite e i giovani selvaggi della città. La corsa in carrozza di cinque miglia (o galoppo su un cavallo) da Lower Manhattan veniva spesso trasformata in una corsa a Cato's.

 

Il libro del 1855 Cyclopaedia of American Literature, vol. 1 si riferisce a Catone come a una celebre taverna su strada con vista su una strada polverosa, un orto di cavoli e una stalla per cavalli. L'interno era arredato con mobili eleganti, offriva stanze in affitto e la signora Catone era una cuoca notevole. Catone prestò denaro a molti dei suoi mecenati e, purtroppo, la maggior parte non lo restituì mai. Questo gli fece perdere la sua taverna.

 

 

 

 

Orsamus Willard

Orsamus "Willard" (1792–1876) è nato nel Massachusetts ed è famoso per essere stato il primo barista di New York a preparare cocktail fantasiosi. Era anche noto per aver preparato il miglior Mint Juleps ghiacciato - il ghiaccio era il nuovo prodotto caldo - al bar della hall del City Hotel (sul lato ovest di Broadway tra Thames Street e Cedar Street).  L'hotel all'epoca era la più grandiosa della città ed era il palazzo del governatore.

 

Era anche noto per il suo Apple Toddy fatto con mele cotte (questo è stato scritto sui giornali), Gin Cocktail e Extra-Extra Peach Brandy Punch.

 

Willard era noto per avere una memoria fotografica, era ambidestro ed era uno di quelli che riuscivano a cavarsela con due ore di sonno al giorno. Per venticinque anni buoni, chiunque fosse qualcuno a livello locale o all'estero conosceva "Willard of the City Hotel". Prima di diventare un barista, ha lavorato come insegnante e, dopo la sua carriera da bar, è tornato a casa in campagna nel Massachusetts, dove ha coltivato e allevato i bambini. Anche se ha guadagnato molta fama come barista, non ha mai scritto un ricettario di cocktail da lasciarsi alle spalle, o almeno non uno di cui siamo a conoscenza.

 

 

 

 

Geremia P. Thomas

“Professor” Jerry Thomas (1830–1885) is known as         _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_    the American cocktail godfather     _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5cde-3194-bb3 b-136bad5cf58d_        because he published the first known _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         American cocktail recipe book: Bar-           _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_         Tender's Guide, How to Mix Drinks or The Il compagno di Bon-Vivant. È anche noto per aver viaggiato per il mondo con una serie di strumenti da bar d'argento. Thomas è nato a Sackets Harbor, New York, il 13 ottobre, e si presume che fosse il primogenito perché anche suo padre si chiamava Jeremiah. La famiglia si trasferì a New Haven, nel Connecticut, quando Thomas era nella sua prima adolescenza, ea sedici anni lavorava in un bar.

 

 

Dopo un paio d'anni, ha deciso di viaggiare per il mondo e si è spostato molto: San Francisco, New York City, St. Louis, Chicago, South Carolina, New Orleans e Londra. Thomas ha aperto quattro saloon a New York City e il primo può ancora essere visto a Broadway e Ann Street.

 

 

Thomas ha inventato molti cocktail, ma quello per cui è più conosciuto è il Blue Blazer; per farlo, ha versato un flusso di whisky caldo avanti e indietro tra le tazze di metallo, creando un arco di fuoco. Non ho visto nessun barista moderno creare un arco di fuoco mentre preparava un blazer blu, ma il barista di New Orleans Chris McMillian dice di conoscere il segreto.

 

Thomas era un artista dietro il bar e maestro di spettacolo a cui piaceva vestirsi ingioiellati con diamanti mentre preparava cocktail con strumenti da bar d'argento. Il libro vincitore del James Beard Award Imbibe!, di David Wondrich, racconta la storia della sua vita. Puoi leggerne alcuni qui. 

 

Ecco i libri di Tommaso .

 

 

 

Harry Johnson

Harry “The Dean” Johnson (1845–1930) was born         _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_     aboard a German ship (of which his     _cc781905-5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_       _cc781905-5cde-31 3b-136bad5cf58d_   father was the captain) somewhere       _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         between Poland and Lithuania. While           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_                   not technically American, he did tend bar all _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5c de-3194-bb3b-136bad5cf58d_         over the country. He is famous for his                     _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_       published books, Harry Johnson's Bartenders' _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_     _cc781905-5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d _           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_      Manual , which were published in 1882, 1888, and 1900. He is also known for publishing un cocktail chiamato specificamente "Martini".

 

Johnson non ha riempito i suoi libri solo di ricette; ha fornito elenchi di istruzioni su "come frequentare un bar", cosa indossare, come comportarsi, come addestrare qualcuno, come trattare gli avventori, aprire i doveri del bar, raccogliere denaro quando si ha fretta, regole per usare un gigger (sì, con una "g"), ecc. Quando aveva sessantacinque anni, Johnson ha detto in un'intervista di aver effettivamente pubblicato il suo primo libro di ricette di cocktail a quindici anni e l'editore ha venduto 10.000 copie in sei settimane. Questo potrebbe essere vero, ma non è stata trovata una sola copia.

 

Johnson prima si occupò di un bar a San Francisco, poi si trasferì a Chicago nel 1868 per aprire un bar. Ha detto che un barista di New Orleans con il cognome di Le Boeuf gli ha scritto di partecipare a una competizione nazionale che si terrà a New Orleans. Johnson ha detto che la competizione consisteva in un barista in piedi dietro il bar e dodici persone che si avvicinavano e ordinavano cocktail. A sua volta, il gruppo ha chiamato "scelta del barista" per dodici cocktail di whisky. Johnson ha allineato dodici bicchieri su due file, quindi ha impilato una piramide di bicchieri da cocktail sopra. Ha servito i cocktail di whisky a forma di cascata. Si diceva che il premio fosse di $ 1.000 ($ 18.500 nella valuta del 2018). Johnson tornò a Chicago e pochi anni dopo il grande incendio di Chicago del 1871 lo indebitò.

 

Johnson si sposò, si occupò di bar a Filadelfia, poi si trasferì a New York City, dove possedeva diversi bar e pubblicò alcuni libri (in inglese e tedesco). Si ritiene inoltre che abbia avviato una scuola di bar. Johnson morì a Berlino, in Germania, nel 1930.

Maggiori informazioni su Johnson qui .

 

 

 

 

William T. Bootby

William T. Boothby (1862–1930) è nato a San Francisco ed è noto come "Cocktail Bill". Boothby ha lavorato come bar a New York, Chicago, Filadelfia, New Orleans e Kansas City, ma è noto soprattutto per aver lavorato in

Il bar del Palace Hotel di San Francisco

tra la fine del 1800 e l'inizio del 1900.

 

Nel 1891 pubblicò Cocktail Boothby's American Bartender e poi lo revisionò nel 1890. Durante il grande terremoto e incendio di San Francisco (1906), le lastre di stampa furono distrutte, quindi la sua terza e migliore edizione fu pubblicata nel 1908 e intitolata The World's Drinks e come mescolarli .

 

Da bambino, Boothby si esibiva sul palco in spettacoli di menestrelli, quindi questa esperienza gli è servita bene dietro il bancone.

 

Leggi di più su Bootby qui .

 

 

 

Hugo Enslin

Hugo Ensslin (1876–1963) was born in Germany but         _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_       bar curato a New York City. He is known for           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_       publishing the last cocktail recipe book before the American _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_               _cc781905-5cde-3194-bb3b-136 bad5cf58d_       Divieto, intitolato Ricette per bevande miste . It contains 400           _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194-bb3b -136bad5cf58d_       recipes, but the most famous cocktail in the book is the             _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5cde-3194-bb3b-136ba d5cf58d_           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_   Aviazione. The book also mentions new ingredients not seen         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_     prima, che include triple sec, grenadine e applejack.

I baristi post-proibizionisti pubblicarono molte delle sue ricette nei loro libri. Ensslin non era un barista appariscente e non tendeva a bar negli stimati bar degli hotel di New York City. Lavorava nei bar degli hotel di classe inferiore e stava bene facendo quello che stava facendo. Si dice che abbia influenzato Harry Craddock.

 

 

 

Victor Jules Bergeron

Victor Jules Bergeron, alias Trader Vic (1902–1984), è famoso per aver creato il Trader Vic's, l'impero delle bevande (e del cibo), che lo rende il barista di maggior successo di tutti i tempi. È nato da genitori franco-canadesi a San Francisco il 10 dicembre. Sua madre era nota per essere un'eccellente cuoca francese e suo padre, un cameriere del famoso Fairmont Hotel, divenne in seguito il proprietario di un negozio di alimentari. Il 18 aprile, quando Bergeron aveva quattro anni, i suoi genitori lo portarono d'urgenza in ospedale per un'amputazione del piede a causa di una malattia alle ossa e alle 5:12 il terremoto di San Francisco del 1906 colpì la costa settentrionale della California. È stato detto che si ricordava di suo padre che lo portava fuori dall'ospedale mentre guardava cadere i mattoni. Al successivo appuntamento disponibile per l'amputazione, la malattia si era diffusa e più del suo piede aveva bisogno di essere amputato. Dopo il recupero, i suoi genitori gli comprarono una canoa e incoraggiarono il canottaggio per rafforzare la parte superiore del corpo e, da adulto, Bergeron avrebbe legato lo scenario della barca per spiegare la perdita della gamba, dicendo: "Gli squali l'hanno presa". La malattia continuava a insinuarsi nella sua gamba, cosa che teneva anche i suoi genitori indebitati. Quando aveva trentadue anni, la malattia si placò e Bergeron prese in prestito denaro da sua zia per aprire una birreria a Oakland, in California, chiamata Hinky Dinks.

 

Nel 1939, ispirato da un viaggio a Cuba e dal tiki bar e ristorante di Don the Beachcomber a Hollywood, Bergeron cambiò il nome del suo bar e ristorante in Trader Vic's. Nel 1941, Trader Vic's fu messo sulla mappa quando il giornalista di San Francisco Herb Caen scrisse: "Il miglior ristorante di San Francisco è a Oakland". Quattro anni dopo, Bergeron inventò il famoso Mai Tai. Bergeron ha continuato ad aprire una catena di venticinque Trader Vic in tutto il mondo. Oggi ci sono diciotto Trader Vic's con dodici dislocati in Medio Oriente. C'è solo un negozio rimasto in America, che si trova ad Atlanta, in Georgia, al livello inferiore dell'Hilton Atlanta. Bergeron ha scritto due guide per baristi, sei libri di cucina e una biografia nel 1973 intitolata Frankly Speaking: Trader Vic's Own Story. Durante la sua vita, Bergeron ha trascorso del tempo a combattere con gli ospedali dei veterani della California per migliori programmi di riabilitazione per i veterani che avevano perso gli arti. Bergeron era un artista ambidestro, si sposò due volte e ebbe quattro figli, che rilevò il franchise nel 1972.

 

Ernest Raymond Beaumont-Gantt

Ernest Gantt (1907–1989), alias Don the Beachcomber, è considerato il padre del movimento tiki. Ha aperto il primo bar e ristorante polinesiano, Don's Beachcomber, a Hollywood. Gantt è nato a Mexia, in Texas, il 22 febbraio e all'età di sette anni è stato mandato su un autobus a Mandeville, in Louisiana (dall'altra parte del lago rispetto a New Orleans), per vivere con il suo ricco nonno. Nel giro di un mese, stava viaggiando per i Caraibi sullo yacht di suo nonno e camminava per le strade di ciottoli del quartiere francese. In seguito partì per viaggiare per il mondo, lavorò su navi a vapore e contrabbandò.

 

Nel 1934 aprì il primo ristorante e bar a tema polinesiano d'America a Hollywood, in California, con lo slogan "Se non puoi andare in paradiso, te lo porto". Alcuni anni dopo, si trasferì dall'altra parte della strada e la ribattezzò Don the Beachcomber.

 

Il bar di Gantt era visitato da tutti i volti famosi dell'epoca e adoravano i suoi sboccati uccelli myna. È noto per aver inventato oltre ottanta cocktail, ma lo Zombie è il più popolare ed è stato servito all'Esposizione Universale del 1919 a New York.

 

Durante la seconda guerra mondiale, Gantt si arruolò nell'esercito degli Stati Uniti e tornò con un Purple Heart e una Bronze Star. Ha anche appreso che sua moglie, Cora Irene "Sunny", ha aperto sedici Don the Beachcombers in giro per l'America. Presto divorziarono e Gantt partì per vivere alle Hawaii dove aprì un altro bar, rese famosi alcuni cantanti hawaiani, si risposò e morì povero. Oggi c'è un negozio a Huntington Beach, in California, e nel 2015 Ernest Coffee Shop e Bootlegger Tiki Bar hanno aperto a Palm Springs, in California, nello stesso edificio che ospitava uno dei ristoranti Don the Beachcomber.   

 

 

Dale "King Cocktail" DeGroff

kingcocktail.com

Dale "King Cocktail" DeGroff è nato alla Naval Air Station Quonset Point nel Rhode Island il 21 settembre 1948 da Armand e Carmella DeGroff. È accreditato per aver dato il via alla rivoluzione dei cocktail artigianali.

 

DeGroff iniziò a visitare i bar di New York City nel 1966 mentre studiava anche all'Università del Rhode Island con il sogno di diventare un attore. Intorno al 1973, DeGroff è entrato nel settore F&B come lavapiatti Howard Johnson di Times Square, ha servito ai tavoli da Charley O's al Rockefeller Center e ha ottenuto il suo primo concerto da barista privato nel 1976 al Gracie Mansion (la residenza del sindaco). Ha scalfito il prurito di recitazione trasferendosi a Los Angeles e in quei sei anni ha lavorato al bar del famoso Hotel Bel-Air, ha avuto due figli, Leo e Blake con sua moglie Jill, e ha iniziato a prendere sul serio il bartending.

 

Nel 1985, il famoso ristoratore di New York Joe Baum (Four Seasons, Window of the World e Tavern on the Green) attirò Degroff a New York City per ricreare un programma bar del 19° secolo all'Aurora Restaurant. Il suo compito da Baum era trovare un libro scritto da Jerry Thomas. Durante la sua ricerca, apprese che il libro era del 1862. Uno dei progetti di Baum era quello di riaprire la famosa Rainbow Room del Rockefeller Center e DeGroff era a capo del programma del bar. Degroff è diventato famoso alla Rainbow Room introducendo un nuovo approccio gourmet ai cocktail classici e un menu di cocktail diverso da tutti gli altri in città. A una festa dei Grammy, una foto di Madonna è stata scattata mentre beveva il Cosmopolitan riorganizzato di DeGroff e la sua carriera è stata alle stelle.

 

DeGroff ha vinto troppi premi da menzionare, tra cui un James Beard   e una Julia Child. È membro fondatore del Museum of the American Cocktail e partner fondatore del premiato programma Beverage Alcohol Resource (BAR). DeGroff ha scritto il suo primo libro, The Craft of the Cocktail nel 2002, The Craft of the Cocktail Deck nel 2007 e The Essential Cocktail nel 2009. Viaggia per il mondo giudicando, consultando e persino con la sua chitarra dando spettacoli attraverso monologhi e canzoni. Vive a West Hempstead, New York, con sua moglie, Jill , sua socia in affari e artista di saloon.

 

 

 

 

Gary Regan

gazregan.com

Gary “Gaz” Regan (REE-gan) è nato nel Lancashire, in Inghilterra, nel 1951 e ha vissuto nel pub inglese dei suoi genitori per i primi due anni della sua vita. È famoso soprattutto per aver aiutato il pioniere del movimento dei cocktail artigianali ed essere un prolifico scrittore di cocktail. Sua madre lo chiamò Gary perché non voleva che il suo nome diventasse un soprannome breve, ma per qualche ragione sconosciuta all'epoca un nuovo soprannome per chiunque si chiamasse Gary era Gaz.

 

Il primo cocktail che Regan ha consumato è stato un Gimlet a temperatura ambiente. Questo è successo dopo che i suoi genitori hanno aperto un altro pub quando aveva dodici anni. All'età di diciotto anni, Regan lavorava nei turni di barista del fine settimana imparando il business dei pub da suo padre e dai baristi che lavoravano per suo padre. Un anno dopo, ha lasciato la scuola per lavorare a tempo pieno nel pub dei suoi genitori. Si è anche sposato, ma poi ha divorziato all'età di diciannove anni.

 

Regan è sempre stato affascinato da New York City, che derivava dalla lettura dei fumetti di Superman da bambino, quindi ha fatto un viaggio fino a Superman's Metropolis e ha ottenuto un lavoro in un pub britannico chiamato Drake's Drum. Regan attribuisce il merito di aver appreso dal proprietario del bar David Ridings, che ha sottolineato l'importanza dell'ospitalità. Regan ha continuato a lavorare in numerosi bar della città. Ben presto ha unito la sua esperienza con il suo amore per la scrittura ed è stato ripreso da molte riviste di cibo e bevande. Il suo primo libro pubblicato è stato The Bartender's Bible del 1991, e subito dopo ha scritto una rubrica regolare per il San Francisco Chronicle, "The Cocktailian", per tredici anni.

 

Nel 2003, Regan ha pubblicato il suo libro più popolare, The Joy of Mixology  e la seconda edizione è stata pubblicata nel 2018.  A partire dal 2019 , ha pubblicato circa diciotto libri, ha lanciato un amaro all'arancia , conduce workshop di due giorni , giudica concorsi di cocktail e ha vinto numerosi premi. Regan ha anche scelto di rendere pubblico il suo cancro alla bocca. Oggi vive nella Hudson Valley, New York, e sei volte all'anno tende al bar del premiato Dead Rabbit di New York City. Inoltre pubblica una newsletter settimanale.

 

 

Charles Anthony Abou-Ganim
themodernmixologist.com

Charles Anthony "Tony" Abou-Ganim è nato a Port Huron, nel Michigan, da genitori libanesi e irlandesi George e Dorothy Abou-Ganim il 14 aprile 1960. È famoso soprattutto per aver contribuito a fare da pioniere nel movimento dei cocktail artigianali.

 

Prende il nome da due baristi della famiglia, lo zio Charles e il cugino Tony, Abou-Ganim era destinato a diventare un barista. Nel giorno del suo diciottesimo compleanno, la famiglia lo fece sedere su uno sgabello da bar al Brass Rail (il bar di sua cugina Helen David), e suo cugino Tony iniziò a fare la fila di cocktail davanti a lui. Abou-Ganim ricorda di essere rimasto affascinato guardando la cura e l'abilità necessarie per preparare ogni cocktail e non sapeva nemmeno, allora, che erano tutti cocktail classici (Manhattan, Tom Collins, Whisky Sour, ecc.). Due anni dopo, nel 1980, inizia la formazione come barista con la cugina Helen. I primi due cocktail che ricorda di aver fatto erano un B&B fatto da zero e Manhattan, ma la sua carriera di obiettivo era quella di diventare un attore.

 

Nel 1993, alla Rainbow Room di New York City, Abou-Ganim ha visitato un altro barista, Dale DeGroff, il cui obiettivo era anche quello di diventare attore. DeGroff preparò ad Abou-Ganim un Negroni servito (era difficile trovare un barista che sapesse cos'era un Negroni in quel momento), e tutti i ricordi dei cocktail classici servitigli al suo diciottesimo compleanno tornarono alla ribalta. Fu allora che Abou-Ganim decise di essere il miglior barista che potesse essere.

 

A San Francisco, Abou-Ganim ha iniziato a preparare cocktail freschi al Jack Slick's Balboa Café, Harry Denton's, Po (il primo ristorante di Mario Batali), poi allo Starlight Room di Harry Denton in cima al Sir Francis Drake Hotel, dove ha lanciato il suo primo menu di cocktail speciali . Nel 1998, Abou-Ganim è stato selezionato da Steve Wynn per sviluppare il programma di cocktail per tutti i ventitré bar del Bellagio Las Vegas.

 

Nel 2010 ha pubblicato The Modern Mixologist e nel 2017 Abou-Ganim ha aperto il suo bar nel Libertine Social a Mandalay Bay a Las Vegas. È il bar che ha la grande luce al neon blu che dice "Stay Wild".  Oggi, la base di Abou-Ganim è Las Vegas, ma viaggia per il mondo come consulente, allenatore, ed educatore in tutte le cose cocktail.

 

 

 

Chris Mc Millian

revelcafeandbar.com

Chris McMillian è nato a Shreveport, Louisiana, nel 1961 ed è noto per essere il barista più famoso di New Orleans. McMillian puzza di stile vecchia scuola ed è un'enciclopedia ambulante e parlante di cocktail.

 

McMillian si è trasferito a New Orleans nel 1984 e ha preso il suo primo lavoro da barista nel 1994 allo Chateau Sonesta Hotel di Iberville nel quartiere francese, e nel 1999 si è trasferito dall'altra parte della strada al Richelieu Bar all'interno di Arnaud's. Fu qui che divenne famoso per i suoi Ramos Gin Fizzes ed è accreditato per aver creato la tecnica in cui la meringa si alzava sul bordo del bicchiere. Nel 2000, il Ritz Carlton Hotel ha aperto e McMillian ha assunto il timone del Library Bar, dove gli appassionati di bar di tutto il mondo sarebbero venuti a vedere il maestro lavorare il suo mestiere.

 

McMillian è stato scritto in diverse riviste e giornali, è stato un relatore ospite allo Smithsonian e possiede la più grande raccolta di informazioni sui cocktail di New Orleans di chiunque altro al mondo. Nel 2015, lui McMillian e sua moglie Laura hanno aperto il loro primo bar, Revel Café & Bar al 133 di North Carrollton Avenue. L'ambito posto dove sedersi in questo bar barista di quarta generazione è vicino al pozzo della sua Tobin Ellis Signature Cocktail Station, quindi sarai a portata d'orecchio di illuminanti storie spirituali del cocktail che sta preparando o di una storia che ha voglia di condividere. Il primo cocktail fatto da McMillian è stato un Whisky Sour.

 

McMillian e sua moglie Laura sono stati membri fondatori del Museum of the American Cocktail nel 2002 e hanno organizzato molti seminari sui cocktail. Lui e sua moglie hanno sei figli e nove nipoti e nel 2016 McMillian ha pubblicato Lift Your Spirits: A Celebratory History of Cocktail Culture a New Orleans.

 

 

 

Tobin Ellis

barmagic.com

Tobin Ellis was born in Los Gatos, California, in 1970 and         _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_raise a Rochester, New York. He first rose to           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_    international fame in 2007 when he was selected as     _cc781905-5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_     _cc781905-5cde-3194-bb3b-136bad5cf58 d_         America's number-one bartender to compete against Iron _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_                     _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_          Chef Bobby Flay nel suo programma televisivo Throwdown! con Bobby Flay. 

 

 

Ellis ha iniziato la sua carriera nell'ospitalità quasi vent'anni prima come lavapiatti e imbracatura alle immersioni del college. Poco dopo il college, è diventato un istruttore di bar NSO per i ristoranti di apertura del TGI Friday in tutto il paese. Nel 1997 è stato co-fondatore e primo presidente della FBA (Flair Bartenders' Association) e ha lanciato il primo sito web di flair bartending.

 

Nel 1999, Ellis ha aperto uno speakeasy al secondo piano dietro una porta non contrassegnata a Syracuse, New York, che serve tequila oscure, margarita freschi e cocktail classici. Lui   è stato reclutato come capo bartender al Caesars Palace, Las Vegas, nel 2000 e ha terminato la sua carriera di barman al PURE Nightclub di Las Vegas dopo aver vinto una manciata di importanti competizioni di cocktail tra cui un USBG (United States Bartenders ' Gilda) titolo nazionale.

 

Ellis ha quindi lanciato "Social Mixology", la prima serie speakeasy pop-up al mondo, che ha attraversato il mondo con feste pop-up a tema uniche in cui era richiesta una password. La sua esclusiva società di design per l'ospitalità ha progettato e aperto bar in tutto il mondo e, più recentemente, Ellis ha collaborato con la Perlick Corporation per lanciare la Tobin Ellis Signature Cocktail Station, che ha vinto il Good Design Award 2016 assegnato ad aziende tra cui Apple, BMW, Porsche e Bang & Olufsen.

 

In questi giorni Ellis divide il suo tempo tra Las Vegas e la sua casa a Rochester, New York, fornendo consulenza in materia di ospitalità e servizi di progettazione per aziende tra cui Ritz-Carlton, Waldorf-Astoria, Starbucks, Ace Hotels e una manciata selezionata di altre._cc781905-5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_ Essendo uno scrittore prolifico, Ellis ha lavorato come editorialista e creativo pubblicitario (copywriter), è mancino e all'età di dieci anni preparava Gin & Tonics per suo padre: beveva e ordinava gin vergine e tonici.

 

 

Sasha Nathan Petraske

Sasha Petraske (1973–2015) was born in Manhattan on March         _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_        6 and is famous for opening Milk & Honey, a _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_       _c c781905-5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_      small, unadvertised cocktail den, without a sign, with             _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5c de-3194-bb3b-136bad5cf58d_      limited seating, strict rules, and an unconventional _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_                     _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5cde-3194-bb3b -136bad5cf58d_reservation system serving pre-Prohibition crafted         _cc781905-5cde-3194- bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194-bb3b -136bad5cf58d_           _cc781905-5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_cocktails—in un'epoca in cui i bar Cosmopolitan e Martini erano di gran moda. È stato un pioniere nel movimento dei cocktail artigianali e ha generato speakeasy in stile proibizionista in tutto il mondo.

 

Petraske annoiava il liceo, quindi lasciò gli studi, lavorò in un bar, andò in bicicletta attraverso l'America, visse a San Francisco, quindi si arruolò nell'esercito per tre anni. È tornato a casa e ha lavorato in un bar chiamato Von e poi è stato ispirato ad aprire il suo bar quando ha visto un piccolo bar nascosto chiamato Angel's Share (nascosto all'interno di un ristorante giapponese). Ha risposto a un annuncio sul Village Voice per un piccolo spazio commerciale al 134 di Eldridge Street per $ 800 al mese e ha appreso che il proprietario era un amico di quinta elementare. Petraske ha promesso che il suo bar sarebbe stato tranquillo e non avrebbe disturbato i vicini, quindi il suo tema del bar segreto si adattava perfettamente allo spazio. Il bar ha aperto la notte di Capodanno 1999.

 

Petraske ha poi aperto London Milk & Honey, Little Branch, White Star Absinthe Bar, Mercury Dime, the Varnish, Dutch Kills, Middle Branch, Milk & Honey 2.0 e una società di consulenza con Christy Pope e Chad Solomon chiamata Cuffs & Buttons. Nel 2015 ha firmato un contratto per scrivere il suo primo libro per Phaidon Press e ha pianificato di aprire un bar a Brooklyn chiamato Falconer, ma è morto il 21 agosto.

 

Nel 2016, la sua vedova, Georgette, ha onorato il contratto dell'editore e ha consegnato il suo libro, A proposito di cocktail. Petraske era anche noto per aver avviato la "scelta del barista" sui menu dei cocktail e per aver riportato l'uso dei jigger. Sarà sempre ricordato con indosso abiti chiari e capelli neri pettinati all'indietro come se fosse uscito dalle pagine del romanzo Il grande Gatsby.

 

 

 

 

 

 

Christian Delpech

Christian Delpech è nato a Buenos Aires, in Argentina, il 25 febbraio 1977, ed è conosciuto come il miglior barista flair del mondo. Mai.

 

          _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_           _cc781905 -5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_    At age seventeen while he was tending bar   _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_     _cc781905-5cde-3194-bb3 b-136bad5cf58d_        in Buenos Aires, the film Cocktail, starring _cc781905-5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194-bb3b- 136bad5cf58d_           _cc781905-5cde- 3194-bb3b-136bad5cf58d_        Tom Cruise, inspired Delpech to think about _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_               _cc781905-5cde-3194 -bb3b-136bad5cf58d_          bartending in un modo completamente nuovo. He entered al           _cc781905- 5cde-3194-bb3b-136bad5cf58d_         _cc781905-5cde-3194-bb3b -136bad5cf58d_           _cc781905-5cde -3194-bb3b-136bad5cf58d_  local flair competition all'Hard Rock Café nel 1998 e ha vinto il primo posto in flair. In 1999, Delpech expanded his horizons         _cc781905-5cde-3194-bb3b -136bad5cf58d_         and moved to Spain where he tended bar and performed tableside magic a Tenerife, Madrid e sull'isola di Ibiza. Nel 2002, è stato assunto presso il flair bar numero uno al mondo, Carnival Court a Las Vegas, Nevada.

 

 

Delpech ha vinto oltre settanta primi premi in tutto il mondo e dalla rivoluzione dei cocktail artigianali, la sua competizione preferita è "Blue Blazer", dove la qualità del cocktail conta per il 60 percento del punteggio. Lo stile a matrice di Delpech è fluido, bello ed elegante, mentre sorride al pubblico con uno scintillio negli occhi mentre muove il suo corpo attorno agli oggetti invece che gli oggetti che si muovono intorno a lui.

 

 

Nel 2016, Delpech è stato il primo non cubano a vincere il "King of Daiquiri" al famoso bar Floridita a Cuba. Per celebrare il 200° anniversario della Floridita nel 2017, tutti i vincitori del passato si sfideranno per il titolo.

 

 

 

Delpech vive a Miami, dove si occupa di bar presso lo storico Fontainebleau e possiede l' American Bar Academy di Christian Delpech . Se Delpech fosse stato vivo nel 1800, sarebbe stato uno dei baristi descritti nell'articolo del 1856 trovato sul Brooklyn Daily Eagle, che diceva: "Il barista e i suoi assistenti possiedono l'agilità degli acrobati e l' abilità prestigiativa dei maghi. Sono tutti prestigiatori di bottiglie. — Gettano le bevande in giro; si gettano sulla testa bicchieri a tesa; scuotono gli ingredienti saccarini, glaciali e alcolici nei loro lunghi tubi di latta.

harry-johnson-portrait-small2.jpg
Hugo-Ensslin-um-1917.jpg
11008419_10153050305861355_2449941291677
37196191_10156562359029553_7229471316938
tobin.jpg
JerryThomas01.jpg

Altri barman influenti aggiungerò presto.

 

L'unico William, Audrey Saunders, Julie Reiner,

Harry Craddock (1876–1963), Constante Ribalaigua Vert (1888–1952), Harry MacElhone (1890–1958), Joe Gilmore (1922–2015), Peter Dorelli (1941-), Salvatore Calabrese (1955-), Richard Arthur “ Dick" Bradsell (1959–2016), Colin Peter Field (1961-) e Tony Conigliaro (1971-). Per favore mandami un'e-mail a chiunque pensi che dovrebbe essere in questo elenco.

Screen Shot 2018-09-30 at 4.28.32 AM.png
Screen Shot 2018-09-30 at 4.46.31 AM.png

Dipinto del City Hotel di Abram Hosier.

Questo dipinto è stato copiato da Jones e Newman's Pictorial Directory di New York nel 1848. L'edificio è stato demolito un anno dopo.

Screen Shot 2018-09-30 at 4.39.19 AM.png

Foto dal libro del 1900  Stage-coach and Tavern Days di Alice Morse Earle. Leggi il libro GRATIS.

Screen Shot 2018-09-30 at 5.13.51 PM.png

Clicca sul libro per leggerlo. Per gentile concessione di EUVS.com

broadway&ann.jpg
harry-johnson-cocktail.jpg
Wi_f2_historic_libation.jpg
Ensslin Aviation Recipe.jpg
bergeron3.jpg

Foto di Victor Bergeron da findagrave.com.

19073652_117747706316.jpg
32336799_10155234697570064_2377647234540
32481555_10155235737695064_8534428504840
21_02 copy.jpg
X-Dale-NYC.jpg

Foto del 2006 di David Kressler per il secondo libro di DeGroff, The Essential Bartender: The Art of Mixing Perfect Drinks .

Illustrazione di Jill Degroff di saloonartist.com.

 

165319_10150139927779553_3585859_n.jpg
164361_10150142274594553_3068365_n.jpg
12669639_10156483906525035_8737540969696
garyyoung.jpg
12744584_10208529792742907_2277214217206
31239_436819389552_348238_n.jpg
21_03 copy.jpg
tonyme-1.jpg
tonyme-2.jpg
252515_10150280421284553_4913566_n.jpg
27ef868543abf9c4e16439c1aeb8f0bd.jpg
19233_309991089552_6377387_n.jpg
392873_10150447433464553_1904299461_n.jp
37232800_10156562359134553_4346711752017
178661_10151258681616355_1892777845_o.jp
1916039_217376714552_4668764_n.jpg